MTC n. 37: LA RICETTA DELLA SFIDA DI MARZO E’….

Il Soufflé di Fabiana, dal Blog “Tagli e Intagli

E se mi conosceste bene, lo avreste indovinato: perchè è dalla prima edizione dell’MTchallenge che anelo ad un piatto del genere, a mio parere perfetto per la nostra sfida: perchè è da porca figura, è versatilissimo, è molto ma molto meno difficile di quanto possa sembrare: basta solo trovare chi ne conosca tutti i trucchi e sappia svelarli con competenza e serietà.

E chi meglio di Fabiana si sarebbe potuta prestare ad assecondare i miei desideri?
E ad oltrepassarli, anzi, realizzandoli in una porzione di quell’universo stellato di cui la sottoscritta neanche conosce l’esistenza?

Già: perchè la ricetta su cui vi sfiderete non è quella classica del soufflè, con la base di una normale bechamelle, bensì quella di Cyril Lignac , ex enfant prodige della ristorazione francese, allievo di Pierre Hermé e di Alain Ducasse, oggi fiero titolare della sua prima stella e di un ristorante figherrimo nel 3° arrondissement, di un bistrot a St Germain des Prés e di due pasticcerie, sparse qua e là, oltre che di una costante presenza nei canali televisivi francesi (è l’omologo di Paul Hollywood e di Ernst Knam nella versione gallica di Bake Off ed è una delle presenze fisse di Top Chef) e sugli scaffali delle librerie, visto che, nel tempo libero, ha scritto una quarantina di ricettari, di varia ispirazione.

Proprio questa sua formazione sul doppio binario della cucina e della pasticceria gli ha permesso di lavorare molto sulle preparazioni a cavallo fra le succitate due branche, di cui il soufflé costituisce uno degli esempi più classici. Tuttavia, come leggerete fra poco nel regolamento, la nostra sfida sarà solo sul salato. Proporvi l’alternativa del dolce avrebbe significato far tutta un’altra gara, vista la diversità delle proporzioni degli ingredienti. E anzi, già che ho iniziato a parlare di regole, tanto vale che lo faccia in modo ufficiale

Per cui, beccatevi il

REGOLAMENTO DELLA SFIDA
(IL SOUFFLE’)
1. Solo salato.
2. La ricetta base è quella di Fabiana
3. L’unica variazione ammessa riguarda l’ingrediente aggiuntivo: Fabiana utilizza il gorgonzola, voi potete variare: non ci sono limiti nella scelta, sia per quanto riguarda la tipologia di ingrediente, sia per quanto riguarda il numero. L’essenziale è che la preparazione resti salata o comunque non scofini nei dessert.
A questo proposito, non preoccupatevi troppo di mantenere le stesse proporzioni: 200 g di gorgonzola possono essere anche sostituiti con una quantità differente di formaggio o di verdura o di carne o di pesce: l’essenziale, in un soufflè, è che non varino le proporzioni della base e, soprattutto, quelle del burro e del legante (nel nostro caso, la maizena) che devono essere sempre nella stessa quantità.
Indicativamente, lo schema da seguire (Fabiana docet) è il seguente
FARINA: 1
BURRO: 1
PANNA: 10
FORMAGGIO: 7- 8
il che, tradotto in numeri, significa
100 g di farina/100 g di burro/1000 g di panna/700 oppure 800 g di formaggio.
Praticamente, voi dovete lavorare su quelle “7-8 parti di formaggio”. Potete trasformarle in “5 parti di spinaci e 2 parti di parmigiano”; in “4 parti di prosciutto e 3 parti di pecorino” , in “7 parti di gamberi”, ma anche in 5 parti di salmone, senza preoccuparvi di eguagliare la proporzione: ho usato ingredienti casuali, solo per fare degli esempi concreti: ma quello che importa è che non dovete restare necessariamente fedeli alle 7 oppure 8 parti della ricetta, per far sì che il soufflè gonfi bene nel forno.
Semmai, l’unico problema può riguardare l’umidità degli ingredienti: quindi, fare attenzione. Strizzate bene le verdure, ripassatele in padella, evitate se possibile l’utilizzo di surgelati o di formaggi troppo molli, perchè questo potrebbe pregiudicare la riuscita finale.
Però, se non si prova, non si sperimenta, non si osa, che razza di mtchallenge sarebbe?
4. La cottura può avvenire sia in forno, secondo il metodo classico, sia in padella, nella seconda opzione proposta da Fabiana
5. obbligatoria la presenza di una salsa preparata a partire da un brodo, da un fumetto o da un fondo, eccezion fatta per la bechamelle.  Sento fischiare le orecchie, ma non si sarebbe potuto fare altrimenti: così come ci è stato proposto, questo è un piatto di alta cucina e non è pensabile presentarlo con un accompagnamento che non sia all’altezza. Altrimenti, sarebbe come mettere un vestito di Gucci con un paio di espadrillas: per cui, se siete alle prime armi basatevi sulla crema di Fabiana, se volete osare di più aspettate i nostri Tips & Tricks che cercheremo di pubblicare nei giorni precedenti l’inizio della sfida. Anche in questo caso, libertà assoluta sul fronte degli ingredienti
6. Aromi, erbe, spezie sono a vostra piena discrezione.
REGOLAMENTO GENERALE
  1. Marzo è lungo, vivaddio, quindi torniamo all’antico: valgono solo le ricette pubblicate dalle 00.01 di giovedì 13 marzo alle 00.00 di venerdì 28 marzo. Vi chiediamo per la 37esima volta di ricordarvi che i link vanno lasciati in questa pagina e non nella pagina degli sfidanti: la 38esima non esisterà, perchè stiamo seriamente meditando di ricorrere alle maniere forti del “fuori concorso”. In teoria, avrei dovuto inserirlo nel Regolamento già da oggi, in pratica sapete quanto mi dispiaccia, per cui c’è quest’ultimo avviso, reso indispensabile dalla gran mole di ricette, che aumenta di mese in mese.
  2. chi non ha un blog, può inviare la sua ricetta con almeno una foto a
    mtchallenge@gmail.com entro la mezzanotte del 28 febbraio: provvederemo
    noi a pubblicarla su questo blog
  3. è attivo da subito il filo diretto,
    per tutte le domande e i dubbi che possano sorgere nella vostra mente:
    il nostro consiglio è di chiedere sempre, anche quando la domanda vi
    sembra insulsa, ma di leggere prima gli interventi di chi vi ha
    preceduto, perchè non è escluso che siate in buona compagnia 🙂
  4. il banner della sfida è questo

  1.  il vincitore sarà proclamato su questo blog e su quello di Fabiana alle ore 21.00 del I di aprile

GLI INDIZI

Erano tutti sul soffio
1. l’acqua della doccia scende dal soffione
2. Pneumatico deriva da “pneuma”, parola greca per indicare il soffio
3. I più grandi successi di Little Tony e di Celine Dion sono legati al cuore- e da qui al soufflé al cuore il passo era brevissimo 😉
e ora, buona sfida a tutti!!
Written by

La signora dei pipponi.

Latest comments

LEAVE A COMMENT