Nella Numerologia il 7 è il numero della crisi.

Il termine è rigorosamente asettico, come ci hanno insegnato i nostri progenitori e come ha ribadito pure Morgan, al popolo bue di XFactor. Crisi significa giudizio e quindi riflessione e quindi consapevolezza. E magari, perchè no?, anche cambiamento: dai sette giorni della creazione alla crisi del settimo anno, insomma, tutto indica che il percorso che ha avuto inizio con il primo giorno, la prima pietra, la prima promessa, si completa con il numero sette.

Completamento non significa di necessità fine. Se è vero che dopo il settimo re di Roma o il settimo libro di Harry Potter un ciclo si è chiuso, è altrettanto vero che i matrimoni durano di più (qualcuno, almeno), le settimane si rinnovano, l’arcobaleno continua a prometterci il sereno con i suoi sette colori e 7 peccati sono troppo pochi per bruciare all’inferno per l’eternità 🙂 Esiste una continuazione, insomma, anche nel segno del cambiamento. La stessa che vi annunciamo oggi, all’MTChallenge, visto che chiudiamo definitivamente i battenti con il nostro passato e ci prepariamo a scrivere un nuovo futuro.

Ora, qui ci starebbe bene un bel paragrafetto autocelebrativo e strappalacrime su quello che abbiamo fatto in questi sette anni. Più che a me stessa, lo dovrei alla Redazione e alla Community, che sono stati i veri grandi protagonisti della storia di questo gioco. Ma tant’è. Quello che abbiamo fatto, lo sappiamo. E’ quello che vorremmo fare, che manca all’appello. E visto che vi so curiosi e sulle spine, passo subito alle novità, partendo dall’idea di fondo che le ha ispirate, vale a dire una sana, profonda, esasperata e sincera repulsione per tutta la seriosità che grava da tempo sul web e che si era impadronita di questo gioco, negli ultimi tempi.

“adesso basta” l’ho detto in privato, qualche mese fa e adesso, dopo una fase di traghettamento naturalmente e inevitabilmente delicata e dolorosa, posso finalmente dirlo in pubblico. Con la differenza che lo sbigottimento, la delusione, la frustrazione e l’incredulità dei mesi scorsi hanno lasciato il posto ad un entusiasmo travolgente, a notti di lavoro indefesso, ad una Redazione sfavillante e ad un progetto che ci sta già ricompensando, per il solo fatto di venire alla luce.

Vogliamo ritornare al prendercela con calma.

A goderci l’attimo, a sorridere delle cose belle, a imparare a lasciarci alle spalle quelle brutte.

A svegliarci con un sorriso, ad addormentarci sereni.

E, in mezzo, a tornare ad una cucina che sia espressione di questo stile di vita: ad un “far da mangiare” che ora  ci parli delle nostre radici, ora  ci apra orizzonti lontani, ora ci dia il conforto delle tecniche antiche, ora ci regali l’emozione di qualcosa di nuovo.

Ma con la consapevolezza che il tempo che noi spendiamo in cucina è tempo nostro, per noi stessi e per le persone che amiamo.

E’ tempo da proteggere, da coccolare, da condividere con persone che sono amiche nella misura in cui sono vicine a noi in questo sentire, che cioè fra i fornelli trovano lo spunto per nutrire se stessi e i propri cari e non il proprio ego.

Il vento della rivoluzione 🙂 investe anzitutto la gara.

baner_MTChe

Da gennaio, diremo addio al Regolamento, o meglio: due o tre regole ci saranno, perchè non c’è gara senza regole e questo lo sappiamo.

Ma non soffocheranno la vostra fantasia, non creeranno quel clima asfittico da asterisco che pende sulle nostre teste come una spada di Damocle 2.0, non metteranno ansia prima ancora di cominciare.  Vogliamo tornare alla creatività, all’espressione personale, a piatti che siano il vostro canto libero, senza restrizioni o codicilli bizantini. Ne avete già avuto un assaggio con la sfida di novembre, che riprendiamo a gennaio come immediata realizzazione pratica di quanto sto dicendo.

Da qui si evince facilmente che l’MTC smetterà di essere una scuola di cucina, in senso stretto.

E questa è la vera, grande, immensa rivoluzione.

In tutti questi anni, abbiamo davvero preso in considerazione tutto quello che poteva servirci, sfida per sfida. L’archivio è zeppo di contenuti sempre validi e se ci fosse bisogno di qualche aggiornamento tecnico va da sè che lo affronteremo. Ma la programmazione mensile, focalizzata esclusivamente sull’argomento della sfida, non esisterà più. Resteranno fisse le rubriche dell’Eterno Ripasso, per richiamare le tecniche fondamentali legate a quella specifica gara e le Regole per la Realizzazione perfetta, in cui cercheremo come sempre di fornirvi una panoramica di tutto ciò che è utile, ai fini della sfida. Resteranno i premi, resterà tutta la parte ludica della sfida. Resterà anche una discussione in Community molto più viva, quale è stata quella delle ultime due sfide, con un dialogo costante con il Terzo giudice e uno scambio reciproco di consigli e di suggerimenti. Ma al resto diciamo addio.

Il benvenuto, invece, lo daremo a questo format nuovo, a cui vi diamo appuntamento già da domani.

Descriverlo è impossibile e ha poco senso: se volete scoprirlo, seguiteci, giorno per giorno, perchè la programmazione sarà come sempre quotidiana, sia sul sito che sui social. Ci saranno rubriche nuove che vogliamo diventino un appuntamento fisso, da aspettare quasi come Babbo Natale Saranno i contenuti ad essere diversi nella sostanza, ma identici nella forma, nel segno di una rinascita che è un ritorno al passato, con la consapevolezza del presente, per uno sguardo dritto e aperto nel futuro 🙂 e chiudiamola qui, che domani si comincia e abbiamo ancora un sacco di cosa da fare!

Vi vogliamo tutti qui, alle 9 del I dicembre!

Alessandra

 

Share Post
Written by

La signora dei pipponi.

Latest comments
  • CAZZO Sì!
    E con questo chiudo.. ci si vede domani, e tutti i giorni a seguire

  • Sempre pronta a seguirvi come un soldatino! Aspetto domani la rivoluzione!!!!

  • Ci sono anche io, accolgo questa rivoluzione con gioia, la riconosco nelle mie corde e mi rende felice…<3

  • ci sarò!

  • Mapi

    Fosse solo per quel “ritornare a prendercela con calma, goderci l’attimo, sorridere delle cose belle, imparare a lasciarci alle spalle quelle brutte, svegliarci con un sorriso, addormentarci sereni e, in mezzo, a tornare ad una cucina che sia espressione di questo stile di vita”, ti adoro.
    Questa rivoluzione CI VOLEVA e so già che sarà straordinaria… e che prima o poi sarà rigorosamente copiata. 🙂 Ma a questo siamo già abituati. 😉

  • Ecco in effetti cominciavo a sentire l’ansia, ad avere la sensazione di non essere più all’altezza. Grazie perché mi piace giocare serenamente e in allegria. Aspetto DOMANI piena di curiosità

  • presente!!! Non vedo l’ora.

  • vedo di rintracciare il vecchio eskimo

  • Sono contenta che tu sia arrivata a quello che chiedevo da mesi e per cui siamo arrivate alla rottura della nostra amicizia: In bocca al lupo! e divertitevi!

  • Mi sembra un sOgno!!!

  • Ed eccoci finalmente al dunque, tanto lavoro e moltissima soddisfazione, non vedo l’ora che sia domani e tutti gli altri giorni hihihihihihihi!

  • una “sgrassata” epocale! AVANTI TUTTA! 🙂

  • Posso dirlo… evviva il cambiamento!! e lo dico da una che partecipa da quasi 2 anni e che si stava “stancando” evviva la libertà di espressione evviva la rivoluzione!

  • Lo dicevano anche i Beatles, e se lo dicevano loro….
    You say you want a revolution
    Well, you know
    We all want to change the world
    You tell me that it’s evolution
    Well, you know
    We all want to change the world

    E ora tutti insieme…coroooooooo

  • acquaviva

    l’ho imparato in oriente che ad ogni fine segue un nuovo inizio… stiamo diventando pure zen, insomma!

  • Mari

    Presente! Adoro le rivoluzioni 🙂

  • Aspetto domani con ansia…

  • Metterò la sveglia sul cell, così domattina alle 9 mi eclisserò dal laboratorio 😉
    curiosa io!

  • Io ho sempre avuto la sensazione di non essere all’altezza e non ne ho mai fatto mistero. Ed ero anche sincera naturalmente. Ora aspetto uno spazio in cui stare in relax, come nella cucina di casa, con tante care persone per imparare e condividere. Mtc family insomma! Grazie di tutto il lavoro! 😊

  • È stato un anno pesantissimo, SARÀ che sto invecchiando, SARÀ che la PASSIONE per il mio LAVORO mi ha SEMPRE ASSORBITO in modo TOTALE (e per QUESTO mi son TENUTA il mio piccolo bloggino, PERCHÉ ALMENO ogni TANTO tiro FUORI la testa: devo pur nangiare..!)… Ma non ce la FACEVO ad ALLINEARE scadenze, REGOLamenti, banner (SBAGLIO SEMPRE qualcosa, PUBBLICO la MATTINA in treno..). Forse ora, se mi RIvolete, POTRÒ provare ad esserci DAVVERO e non solo seguirvi a distanza e irregolarmente…

  • Per coerenza con me stessa e correttezza verso tutti voi, negli ultimi mesi ho preferito “lasciare” che produrre schifezze, visto che non ero nello stato d’animo adatto a cimentarvi con le varie sfide.
    Vi ho sempre seguito, però, e continuerò a farlo, appoggiandovi e sostenendovi nel nuovo percorso.
    Quindi mi metto qui in religiosa attesa della prossima puntata 🙂

LEAVE A COMMENT