MTC N. 49 – IL TEMA DEL MESE: LA ZAPIENKAKA


di Antonella Marconi – Sapori in concerto

La Zapienkaka è un popolare cibo di strada nato in Polonia negli anni ’70, associato con i tempi austeri del regime comunista della Polonia , ma che è ritornato in auge nel 21 ° secolo, con una vasta gamma di varietà, in alcuni locali addirittura 12 titpi!
Con il termine “Cibo di strada” si intende tutta quella gamma di prodotti, bevande comprese, pronte per essere vendute e consumate in una strada o altro luogo pubblico, come ad esempio un mercato o una fiera, da un venditore ambulante o fornitori, con camioncini o bancarelle adibiti a questo tipo di vendita.  Sono generalmente monoporzioni indicate per un pasto veloce, da consumare in un banchetto improvvisato, in modo meno formale e anche meno costoso di quello di un classico ristorante che, generalmente, prevede un sovrapprezzo per il coperto già solo per il fatto di sedersi al tavolo.
Molti cibi da strada sono tipici regionali, e la gente li acquista generalmente per i prezzi ragionevoli, per la facile reperibilità, il gusto saporito in un ambiente socievole, per sperimentare cucina etnica….

Questo fenomeno è piu’ antico di quanto si pensi. Le prime testimonianze risalgono alla Grecia antica, dove venivano venduti piccoli pesci fritti.  La prova di un gran numero di venditori di cibo di strada sono stati scoperti durante gli scavi di Pompei.

 
Senza soffermarci nella specifica caratteristica di ogni piatto, perchè, pur essendo interessante, sarebbe troppo lungo, facciamo un viaggio virtuale in giro per il mondo, citando i piatti tipici, che sicuramente abbiamo assaggiato, o perlomeno, sentito nominare, partendo dall'Italia.
Ogni regione ha il suo cibo di strada caratteristico. Ma partendo dal “semplice” panino farcito con i prodotti tipici del territorio dove viene preparato, ai frappè, frullati, gelati e granite varie, e la onnipresente pizza, le polpette di ogni genere,  possiamo sbizzarrirci gustando le specialità piu’ succulente e curiose che ci offre il nostro paese:
i Gofri piemontesi, le specialità dell’Emilia Romagna come i Borlenghi, Crescentine, Gnocco fritto, Erbazzone, le Piadine, il Pinzone, le Tigelle, il Pesce fritto, il Castagnaccio che troviamo anche in Liguria e in Toscana, i Panigacci che troviamo nell’Appennino Tosco-Emiliano, la Farinata e la Focaccia liguri, le Frittelle Savelli, i Grifi, il Lampredotto, il Neccio, il Baldino il Tortello alla lastra toscani, la Sfogliata, Spuntature e Ciarimboli, Olive all’ascolana, marchigiani, gli Arrosticini abruzzesila Torta al testo umbra, la Porchetta nell’Italia centrale, i Suppli’ e il Baccalà fritto laziali, il Babà campano, e la Sicilia con i suoi Cannoli e Arancine (Arancino) di riso, le Stigghiole, Pani ca’ meusa (pane con la milza), le Panelle, U’Sfinciuni e la Puglia e il Salento con i Gnummered, Panzerotti e la Puccia…….
E lo “Street food” nel mondo ha moltissime specialità piu’ o meno conosciute:

i Bliny e il Shashlik russi, i Bretzel o Pretzel  tedeschi e austriaci, i Wurstel tedeschi, il Burrito, l' Enchiladas, le Fajita, la salsa Guacamole, i Nachos, e i Tacos messicani, la Tarta de coco e i Tamales peruviani , Fish & chips, Hamburger e Hot dogs americani, le Empanadas, i Churrasco argentini e brasiliani, i Choripan argentini e spagnoli, le Croquetas spagnole, le Papas sud americane, i Burek , Midye Tava turche e dei Balcani , Mici e i Carpati romeni, Cous cous, Taboulè dei paesi africani e nord africani, Crépe e le Tielle setoise francesi, Waffle o gaufres francesi, belghe e del Nord Europa, Falafel o felafel , il Kebab di tutto il Medio Oriente , Sabikh israeliano il Souvlaky e la Gyros pita  greci, Pakora, il Samosa indiano, Spring roll o involtini primavera cinesi, i Nikuman, Noodles, gli onigiri e i takoyaki giapponesi e per finire, la Zapiekanki polacca, quella presentata in questa ricetta, che consiste in crostoni di pane ricoperto da funghi, prosciutto e formaggio, che si trova anche con vari tipi di carne e verdure.
Ingredienti:
  • Baguette
  • olio d’olivo o burro
  • mozzarella, o un qualsiasi formaggio filante
  • funghi
  • pomodorini
  • Cipolla
Ketchup 
  • 500 g di pomodori a grappolo molto maturi
  • 100 ml di aceto di vino bianco (o di mele)
  • 100 g di zucchero
  • 1 cipolla tritata (io ho utilizzato una fresca di tropea che è la mia passione)
  • 1 spicchio d’aglio
  • peperoncino non troppo piccante (facoltativo)
  • 1 cucchiaio di sciroppo d’acero
  • 1 cucchiaio di senape
  • sale
  • pepe
Preparazione:
per il ketchup:
Lavare bene i pomodori, eliminare i semi e tagliare la polpa a cubetti. Metterli in un pentolino capiente, aggiungere il resto degli ingredienti e far cuocere per due ore buone a fuoco bassissimo e mescolando ogni tanto.
Frullare la salsa e far raffreddare.
 
per la Zapienkaka:
Tagliate i funghi a fette non troppo sottili e fateli cuocere in una padella antiaderente con uno spicchio di aglio, un goccio di olio extravergine d'oliva e un po' di prezzemolo tritato. Tagliate i pomodorini a metà e fateli appassire in una padella con un goccio di olio extravergine d'oliva. Tagliate la cipolla e fatela stufare con poco oilo e un goccio di acqua.
Tagliate la baguette di lungo, spalmate l’olio d’oliva o il burro. Adagiatevi i funghi, le cipolle, i pomodori e infine una spolverata di formaggio tagliato a scaglie sottili. Sale e pepe a seconda del vostro palato. Mettete il tutto in un forno già caldo a 180° - 200°. Lasciate riscaldare per circa 10 minuti. Alla fine aggiungete il ketchup.
Written by
Latest comments
  • Avatar

    Bella questa carrellata sul cibo da strada, sia in Italia che nel mondo. In questo elenco credo che ci siano riassunti i piatti più amati da tutti. Penso alla torta fritta di Parma, ma anche alla pizza, alle arancine, alle tapas, alle samosa, al kebab…chi non li ama alla follia???!!!! E grazie ad Antonella ora conosco anche questi panini polacchi

  • Avatar

    Partendo dal cibo di strada nostrano fino alle cucine del mondo! Bellissimo questo viaggio nello street food!!! E bellissima questa ricetta, per me era sconosciuta!

LEAVE A COMMENT