MTC. N. 2 Pasta sotto al vulcano di Elisa Baker

DELIZIA DI NORMA SOTTO AL VULCANO  di Cuocicucidici
300 gr bucatini
700 gr di melanzane “violette” (circa due)
400 gr di polpa di pomodoro a pezzettini MUTTI
40 gr di foglie di basilico fresco
olio EVO
3-4 spicchi d’aglio
1 cucchiaino di zucchero
sale e pepe
15 mandorle spellate
ricotta salata q.b.
Olio di semi di arachidi per friggere
Prendere le melanzane lavarle e levare la buccia, tagliarle a fette e metterle per una mezz’oretta in acqua con una manciata di sale grosso.
Intanto mettere in una pentola un po’ di olio EVO uno spicchio di aglio e qualche (4-5) foglia di basilico e una grattugiata di pepe nero, appena il basilico sprigiona il suo profumo eliminare le foglie e aggiungere la polpa di pomodoro con il cucchiaino di zucchero e mescolare, dopo cinque minuti aggiustare di sale e fare cuocere per altri 25 minuti circa, quando è pronto eliminare lo spicchiod’aglio.
Scolare le melanzane, tamponarle con uno strofinaccio pulito e tagliarle a dadini; mettere sul fuoco un pentolino alto e stretto con tanto olio (per friggere uso olio di arachidi) e quando è pronto mettere un po’ alla volta i dadini di melanzane a friggere.
In un altro padellino mettere gli altri spicchi di aglio tagliati a pezzetti a soffriggere per 3-4 minuti e spegnere il fuoco. Quando tutte le melanzane saranno pronte metterle a scolare un po’ su carta assorbente e unirle all’olio con l’aglio e mettere il tutto in un mixer e frullare , con le lame sempre in movimento aggiungere tutte le foglie di basilico e continuare a frullare fino ad ottenere una crema. Mettere due cucchiai di “pesto” da parte, così come due cucchiai di sugo di pomodoro; unire al restante “pesto” di melanzane il resto del sugo di pomodoro e mescolare.
Nel frattempo cuocere i bucatini e quando sono pronti condirli con il mix di melanzane e pomodori, preparare uno stampo a cupola con all’interno un piccolo stampino a cupola poggiato al contrario, mettere i bucatini conditi pressando un po’quando lo stampo sarà pieno poggiare sopra un piatto con un peso per qualche minuto…. sformare su un piatto da portata togliere lo stampino all’interno e spennellare nella fossetta di pasta il pesto di melanzane che avevate messo da parte precedentemente, riempire con i due cucchiai di pomodoro guarnire con alcune mandorle tostare e grattugiare le restanti sulla forma di pasta, grattugiare tutto intorno la ricotta salata e qualche granello di pepe nero, che ricorda molto i granellini di sabbia lavica ogni volta che il mio bel vulcano Etna decide di fare qualche bella  e coreografica sbuffata.
Share Post
Written by
No comments

LEAVE A COMMENT