Perché una mince pie per Babbo Natale? Secondo la tradizione popolare inglese, le mince pies sono il cibo preferito di Babbo Natale.
E’ infatti usanza, lasciare un piattino con una o due tortine vicino al caminetto, accompagnato da un bicchierino di sherry e qualche carota per le renne, come ringraziamento per tutti i doni che Babbo Natale lascerà nelle calze o sotto l’albero.
Le mince pies sono delle tortine dolci, rotonde, a base di pasta frolla e ripiene di una farcia composta da frutta secca, spezie e brandy, chiamata “mincemeat”, letteralmente “macinato di carne”; il nome richiama alle farce dei secoli scorsi, quando erano salate, a base di carne e di grandi dimensioni.
Anche se le mince pies sono state adottate dalla tradizione britannica, le loro origini devono molto al Medio Oriente del 13 ° secolo, difatti, i crociati europei, di ritorno dalle spedizioni in quelle terre lontane, tornavano con ricette che includevano carne, frutta e spezie.
Soprannominate anche “Christmas pies”, alle origini contenevano montone, lingua, manzo, grasso di pecora, frutta fresca e secca e tre spezie (cannella, noce moscata e chiodi di garofano), a rappresentare i tre doni dei Re Magi, aceto o vino. In tutto si trattava di 13 ingredienti per ricordare Gesù e i suoi 12 apostoli ed inoltre erano di forma ovale o di culla, fatte per poterci appoggiare sopra Gesù bambino.
Cibo popolare e di convivialità, erano chiamate anche “wayfarers’ pies”, le “torte dei viandanti”, perché nel periodo natalizio era usanza regalarne una quando ci si recava in visita da parenti ed amici.
Non ebbero vita facile e nel corso dei secoli furono anche bandite; nel 17° secolo il puritano Oliver Cromwell vietò la loro preparazione ma riacquistarono importanza nel periodo vittoriano, epoca in cui il contenuto a base di carne venne abbandonato per essere rimpiazzato solo da frutta secca, spezie, zucchero e brandy.
Ad oggi le mince pies hanno un posto di rilievo tra i dolci natalizi inglesi tanto che non sarebbe Natale senza di loro.
In questo periodo ogni negozio espone la propria versione, ma visto l’amore per queste tortine, solitamente si preparano a casa, rigorosamente mescolando la mincemeat in senso orario per attirare fortuna per l’anno nuovo e su ciascuna si pone un stellina di frolla che rappresenta la stella cometa.
Di seguito una carrellata di proposte che vede l’utilizzo della mincemeat, dalle ricette più classiche alle più moderne.

Nigel Slater’s Perfect Mince Pie

di Francesca Geloso

Una mince pie per Babbo Natale

Per 24 mince pies :
Per la pasta :
150 g di burro non salato
295 grammi di farina
acqua fredda
Per il ripieno :
200 g di golden syrup
75 g di uva sultanina
50 g di scorze candite
5 g di spezie tra cannella,zenzero e chiodi di garofano in polvere
25 g di burro
4 morbidi amaretti di Saronno o 4 cucchiai di torta morbida
1 uovo grande sbattuto

Per la pasta tagliate il burro a pezzetti e lavoratelo velocemente con la farina con la punta delle dita fino ad ottenere un composto grossolano simile a pangrattato.
Unite un po ‘ d’acqua fredda e lavorate il tutto, sempre velocemente, fino a formare una palla morbida ma non appiccicosa.
Date all’impasto la forma di un filoncino e fate riposare in frigo per almeno un’ora.
Preriscaldate il forno a 180 ° C .
Preparate il ripieno, scaldate lo sciroppo in una casseruola con la frutta secca, le spezie miste e il burro, quindi incorporare gli amaretti sbriciolate o le briciole di torta.
Fuori dal fuoco incorporate l’uovo sbattuto alla miscela.
Tirate fuori dal frigo l’impasto e dividete il rotolo di pasta frolla in 24 fette sottili quindi ricavate le piccole tortine. Rifilate i bordi con un piccolo coltello, dividete il ripieno tra le torte, ma fate attenzione a non riempirle eccessivamente.
Con i ritagli di frolla avanzata ornate la copertura delle tortine della forma che preferite, quindi cuocete fino a doratura,  15-20 minuti circa.

Stollen mince pies

di Giuliana Fabris

Per 12 mince pies :
375 g di pasta frolla
100 g di Madera cake o Pandispagna
375 g di mincemeat
50 g di mandorle tritate
25 g di zucchero semolato
50 g di burro morbido
100 g di marzapane o pasta di mandorle
3 cucchiai di scorza d’arancia candita
1 tuorlo d’uovo
mandorle a lamelle per guarnire
zucchero a velo per spolverizzare
Per la mincemeat :
100 g di uva sultanina
150 g di uvetta di Corinto
50 ml di Armagnac o Brandy
1 limone non trattato, scorza e succo
1 arancia non trattata scorza
2 cucchiai di succo d’arancia
1 mela Granny Smith grattugiata
90 g di frutta secca mista tritata grossolanamente tra albicocche, datteri, ribes, prugne
80 g di zucchero di canna scuro
Per la pasta di mandorle :
120 g di farina di mandorle
120 g di zucchero a velo
3 o 4 gocce di essenza di mandorla
1 albume

Il giorno prima preparate la mincemeat e la pasta di mandorle.
Raccogliete tutti gli ingredienti in una ciotola, mescolate e coprite. Tenete da parte fino al momento della preparazione.
In una ciotola mescolate la farina di mandorle insieme allo zucchero a velo, profumate con qualche goccia di aroma di mandorla, unite l’albume , mescolate tutto fino ad avere un panetto morbido. In questo caso, dato che il dolce andrà cotto, si potrà usare anche un albume non pastorizzato. Coprite e tenete in frigorifero.
Il giorno seguente imburrate e infarinate 12 stampi da crostatina o una teglia da muffin.
Stendete la frolla e con un coppa pasta ricavate dei dischi a misura degli stampi. Foderate ognuno con la pasta frolla.
Nella ciotola di un robot da cucina spezzettate il pan di spagna, aggiungete le mandorle tritate, il burro ammorbidito, lo zucchero e il tuorlo d’uovo, mescolate tutto fino ad avere un composto fine, poi unite la scorza d’arancia candita tritata e la pasta di mandorle a pezzettini.
Preriscaldate il forno a 180° C ventilato.
Prendete la mincemeat che nel frattempo avrà assorbito tutti il liquido e mettetene un cucchiaio sul fondo di ogni frolla facendo uno strato omogeneo.
Coprite le crostatine con l’impasto a base di pan di spagna e pasta di mandorle e premete leggermente in modo da sigillare il composto sottostante.
Cospargete con le mandorle a lamelle e mettete in forno e cuocete per circa 20 o 25 minuti finché le mince pies sono ben dorate.
Fate raffreddare fuori dal forno, sformatele e completatele con una spolverata di zucchero a velo prima di servirle.

Chunky mince pie slices

di Manuela Valentini

Per una teglia quadrata da 20×20 cm o 15 porzioni:
280 g di mincemeat
25 g di noci pecan tritate
25 g di pistacchio tagliati a metà longitudinalmente
2 cucchiai di mandorle a scaglie
1 scorza di limone finemente grattugiata
375 g di pasta sfoglia stesa
1 uovo sbattuto per glassare
2 cucchiaini di succo di limone
50 g di zucchero a velo

Preriscaldate il forno a 220 °C ventilato.
Unite le noci, i pistacchi e la scorza di limone al mincemeat.
Srotolate la pasta sfoglia e adagiatela su una superficie di lavoro leggermente infarinata.
Tagliate una striscia su un’estremità per lasciare un quadrato di sfoglia di 23 cm.
Dalla striscia, ritagliate 15-30 forme a stella per decorare con 1 o 2 stelle le fette.
Disponete la sfoglia su una teglia lasciando un bordo basso sui quattro lati, sopra la sfoglia distribuite prima le lamelle di mandorle e poi il mix di frutta livellandolo ai bordi.
Disponete le stelle sopra la farcia sovrapponendole leggermente se necessario.
Si devono poter tagliare 15 fette quando è cotta.
Se volete spennellate le stelle con l’uovo prima di infornare.
Infornate e cuocete per 15 minuti o fino a quando la pasta è dorata poi lasciate raffreddare.
Nel frattempo, mescolate lo zucchero a velo con 2 cucchiaini di succo di limone e irrorate la sfoglia ripiena. Lasciate raffreddare un po’ e poi tagliate le 15 fette.

Christmas figs mince pies

di Zanetti Silvia

Per 12 mince pies:
125 g di fichi secchi tritati finemente
45 g di cramberries essiccati
50 g di uvetta tritata
40 g di canditi di agrumi
55 g di zenzero sciroppato tritato finemente
60 g di pesca sciroppata tritata finemente
130 g di mela Granny Smith grattugiata
75 g di zucchero muscovado
2 cucchiai di marmellata di fichi
1 cucchiaino di buccia d’arancia grattugiato
2 cucchiai di succo d’arancia
1 bastoncino di cannella spezzato
1 cucchiaino fra noce moscata, chiodi di garofano e cannella in polvere
80 ml di Brandy
1 albume leggermente sbattuto
zucchero a velo per spolverizzare
Per la pasta
450 g di farina
110 g di zucchero semolato superfino
225 g di burro freddo a cubetti
1 uovo leggermente sbattuto
da 1 a 2 cucchiai d’acqua fredda

Per preparare il mincemeat (ripieno di frutta) versate frutta, zucchero, marmellata, succo di frutta, spezie e brandy in una ciotola media.
Mescolate per amalgamare e coprite per 1 settimana o fino a un mese, ricordandovi di mescolare ogni 2 o 3 giorni. Riponete in frigorifero.
Preparate la pasta.
Versate in una ciotola capiente farina, zucchero e burro. Con le dita sbriciolate il burro fino a formare delle grosse briciole.
Aggiungete l’uovo, un cucchiaio di acqua ed amalgamate finché gli ingredienti non si uniscono. Impastate poi la pasta su una superficie infarinata fino a renderla liscia. Avvolgete con la pellicola e refrigerare per 30 minuti.
Ungete due teglie con 12 cavità da 7 cm di diametro ciascuna.
Dividete la pasta a metà.
Stendetene metà a 3 mm di spessore, tra due fogli di carta forno e ritagliate 12 cerchi con un taglia biscotti rotondo liscio o festonato di 12 cm di diametro.
Riempite le cavità e bucherellate il fondo con una forchetta e refrigerate per 30 minuti.
Preriscaldate il forno a 190° C ventilato.
Stendete la pasta rimanente tra i fogli di carta fino a 3 mm di spessore e ritagliate con un taglia biscotti a stella, 12 stelle di 6,5 ​​cm di diametro.
Eliminate il bastoncino di cannella dalla miscela di frutta, riempite con due cucchiai di mincemeat ogni cavità e posizionate su ogni mine pie una stella premendo per sigillare bene i bordi.
Spennellate con l’albume ed infornate per 20 minuti circa.
Togliete dal forno e prima di trasferirle su una gratella lasciatele raffreddare per 5 minuti nella teglia.
Spolverizzate con lo zucchero a velo prima di servire.
Le mince pies si possono conservare fino a due settimane in una scatola con coperchio ermetico.

Vegan mince pies

di Fabiola Palazzolo

Per 18 mince pies:
1 mela Granny Smith grattugiata
200 g di frutta secca mista
390 di ciliegie sciroppate al Kirsh
100 g di nocciole spellate tritate grossolanamente
1 arancia scorza e succo
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino tra cannella, noce moscata e chiodi di garofano in polvere
150 g di zucchero di canna
Per la pasta
400 g di farina
200 g di olio di cocco freddo
50 ml di vodka ghiacciata
50 m di latte di soia
20 g di zucchero a velo

Scaldate il forno a 180° C statico o 160° C ventilato.
Versate tutti gli ingredienti della mincemeat in una casseruola o in una teglia e versate metà del Kirsch dal vasetto di ciliegie.
Mescolate tutto insieme, quindi coprite con un coperchio o un foglio di alluminio e cuocere per 35-40 minuti fino a quando tutto lo zucchero si è sciolto e il liquido si è ridotto (la miscela si rassoda un po’ mentre si raffredda, quindi fate attenzione a non ridurre eccessivamente).
Mettete da parte per raffreddare completamente; la mincemeat può essere preparata fino a tre giorni prima e raffreddato in frigo.
Per preparare la pasta versate la farina e l’olio di cocco in un robot da cucina e fateli pulsare finché il composto non assomiglia al pangrattato.
Aggiungete lo zucchero e azionate ad impulsi, quindi versare la vodka e 2 cucchiai di acqua fredda. Azionate sempre ad impulsi fino a quando la pasta si ammassa attorno alla lama.
Aggiungete altri 2 cucchiai di acqua se è asciutta, poi versate l’impasto su una superficie pulita e create con le mani un disco.
Avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

Prendete l’impasto dal frigo, tagliate due terzi della pasta e tenete coperto sotto un canovaccio.
Stendete la pasta su una superficie ben infarinata fino ad uno spessore di 5 millimetri circa.
Ritagliate 18 cerchi con un taglia biscotti da 9 cm e mettete da parte i ritagli.
Sistemate i cerchi nelle teglie da muffin e riempite con una cucchiaiata di mincemeat ogni cavità, poi mettete le tortine in frigorifero per mezz’ora.
Prendete la pasta rimanente da sotto il canovaccio e stendetela a 5 millimetri di spessore.
Trasferite su una teglia foderata con carta da forno per farla raffreddare e rassodare in frigorifero per 15 minuti.
Scaldate il forno a 180° C statico o 160° C ventilato.
Prendete la pasta dal frigorifero e ritagliate con un taglia biscotti a stella da 8 cm 18 stelle.
Coprite le tortine con le stelle, usate le dita per sigillare le punte sul bordo delle pies e spennellate con il latte di soia.
Infornate e cuocete per 30 minuti fino a quando la pasta è croccante e le stelle sono dorate. Raffreddate e spolverate con un po’ di zucchero a velo prima di servire.

Mince pie Brownies

di Manuela Olivieri

Per 16 mince pies :
185 g di burro a cubetti
185 g di cioccolato fondente tritato
85 g di farina 00
40 g di cacao amaro in polvere
3 uova grandi
200 g di zucchero semolato
12 mini mince pies da circa 4-5 cm di diametro
zucchero a velo per decorare

Sciogliete il cioccolato con il burro in un pentolino a bagnomaria, mescolando di tanto in tanto, finché sono omogenei. Lasciate raffreddare il composto.
Setacciate la farina e il cacao in una ciotola e tenete da parte.
Lavorate le uova con lo zucchero con una frusta elettrica finché sono ben gonfie e spumose. Versate il composto di cioccolato freddo mescolandolo delicatamente con una spatola. Infine unite anche la farina e il cacao incorporandoli sempre molto delicatamente per non smontare il composto.
Foderate una teglia quadrata di circa 20 cm di lato, o rettangolare di circa 18×24 cm, con la carta da forno. Versate tre o quattro cucchiate di composto sul fondo, adagiate le mince pie intere disponendole in maniera regolare. Versate il resto del composto ricoprendo le tortine e riempiendo bene gli spazi.
Infornate a 180 C, forno già caldo, statico, per circa 25 minuti. Se il centro fosse ancora troppo molle cuocete ancora 5-10 minuti, finché sulla superficie si formerà una sottile crosticina.
Levate dal forno e lasciate raffreddare completamente.
Spolverate con lo zucchero a velo e tagliate il dolce in 16 rettangoli uguali.
Si conservano in un contenitore a chiusura ermetica per circa una settimana.

Mince pies gluten free

di Sonia Conte

Per 12 mince pies :
75g di farina di riso
40 g di farina per dolci gluten free
40 g di farina di ceci
70 g di burro freddo più quello per ungere la teglia
estratto di vaniglia
1 arancia o limone scorza grattugiata
4 cucchiai di zucchero
latte per spennellare
zucchero a velo per servire
Per il ripieno :
1 banana
70 ml di succo d’arancia
una bella presa di noce moscata in polvere
1 cucchiaino di cannella in polvere
2 cucchiai di golden syrup o miele di acacia
170 g di uvetta
80 g di albicocche disidratate
80 g di ciliegie disidratate
80 g di mirtilli rossi disidratati
80 g di mirtilli disidratati
2 cucchiai di brandy (facoltativo)

Per il ripieno alla frutta, schiacciate la banana e unitela a tutti gli ingredienti in una ciotola.
Mescolate bene e lasciatelo riposare in frigo, coperto, tutta la notte, per aromatizzare bene.
Per la pasta, mescolate insieme gli ingredienti secchi in un contenitore, tagliate il burro a cubetti e lavorate con le mani fino ad ottenere un impasto che si sbriciola.
Aggiungete la vaniglia e la buccia dell’agrume.
Aggiungete poca acqua fredda alla volta, successivamente mescolate delicatamente e in fretta.
Avvolgete nella carta pellicola e lasciate riposare mezz’ora in frigo.
Riprendete il panetto dal frigo e stendetelo su foglio di carta da forno, ricopritelo con dell’altra carta forno e stendete l’impasto ad uno spessore di 4 millimetri circa.
Preriscaldate il forno a 180° C ventilato, imburrate la vostra teglia per pies o muffin molto bene e togliete dal frigo il ripieno alla frutta.
Ritagliate 12 cerchi di pasta, grandi abbastanza per i vostri stampi e altrettanti a forma di stella.
Posizionate le basi in ciascuna cavità della teglia, riempite prima con la frutta, poi ricoprite con le stelle ed infine spennellate con del latte.
Infornate e cuocete per circa 15-20 minuti.
Prima di toglierli dalla teglia, lasciateli raffreddare bene.
Spolverizzate con dello zucchero a velo prima di servire.

Mince pie Martini

di Greta de Meo

Per lo sciroppo:
100 gr zucchero semolato
100 ml di acqua
50 gr di mincemeat
Per lo zucchero alle spezie:
4 cucchiai di zucchero semolato
4 cucchiaini di mix di spezie
4 cucchiaini di mincemeat
Per il drink:
10 cl di gin
10 cl di vermouth rosso
2 cl di rum scuro
8 cl di sciroppo al mincemeat
Per il mix di spezie:
1 cucchiaio di allspice
1 cucchiaio di cannella macinata
1 cucchiaio di noce moscata in polvere
1 cucchiaino di chiodi di garofano macinati
1 cucchiaino di coriandolo
1 cucchiaino di zenzero in polvere
2 cucchiaini di mace in polvere

Preparate uno sciroppo facendo sciogliere in un padellino lo zucchero con l’acqua e il mincemeat, portate a bollore e filtrare attraverso un colino a maglie fini. Lasciate raffreddare.
Preparate lo zucchero alle spezie mescolando insieme tutti gli ingredienti.
Bagnate leggermente il bordo delle coppe Martini, quindi passate il bordo nello zucchero, avendo cura di non sporcare tutto il resto.
In un boston shaker pestate leggermente il mincemeat quindi aggiungete lo sciroppo, il gin, il vermouth rosso e il rum scuro, ghiaccio fino a coprire e shakerate con vigore fino a brinare lo shaker.
Servite nelle coppe Martini precedentemente preparate.

Mince pie trifle

di Sara Fumagalli

Per 4 persone :
250 g di mincemeat
1/2 arancia scorza grattugiata
2 cucchiaio di succo d’arancia
2 cucchiai di sherry dolce
400 g di torta Madeira
300 g crema pasticcera
250 g di panna da montare
2 cucchiai di zucchero a velo
1/4 cucchiaino di cannella in polvere
mandorle a scaglie tostate
frutta secca mista

In un pentolino mescolate il mincemeat con la scorza grattugiata di mezza arancia e 2 cucchiai di succo. Scaldate leggermente quanto basta per amalgamare il tutto. Aggiungete lo sherry e lasciate raffreddare.
Tagliate 1/2 torta a cubetti di 2 cm (la restante potete utilizzarla per realizzare dei cake pops) e metteteli sul fondo di una coppetta.
Distribuitevi sopra il composto di mincemeat.
Aggiungetevi ora la crema pasticcera.
A parte montate la panna montata con lo zucchero a velo e un pizzico di cannella, quindi disponetela sopra la crema pasticcera.
Decorate con un pizzico di cannella, scaglie di mandorle tostate e/o frutta secca e briciole di torta. Servite.

Per 250 g di mincemeat  :
2 mele Granny Smith sbucciate e tagliate a cubetti piccolissimi
45 g di ribes rosso
45 g di uva sultanina
45 g di uva passa
20 g di scorza di frutta candita mista
¼ scorza e succo di 1 arancia
¼ scorza e succo di 1 limone
45 g di zucchero muscovado
½ cucchiaino di spezie miste in polvere tra chiodi di garofano, cannella e noce moscata
2 cucchiai di brandy
20 g di burro morbido

Mescolate tutti gli ingredienti, fatta eccezione per il burro, in una ciotola, coprite e lasciate macerare per almeno 2 ore, meglio una notte intera.
Aggiungetevi quindi il burro, mescolate con cura e versate il tutto in un barattolo appena sterilizzato (meglio se ancora tiepido).
Conservate in frigo.

Share Post
Latest comments
  • Le ricette sono bellissime -e perdonate la poca mia modestia…il racconto è assolutamente da leggere, rileggere e incorniciare. Brave tutte :)))

  • mi unisco agli elogi!!!! racconto bellissimo e mince pies da acquolina in bocca!!!
    Tutte bravissime!

LEAVE A COMMENT