Tips&Tricks – Muffin e Cupcakes: trova le differenze!

Image from here

Di Maria Pia Bruscia – La Apple Pie di Mary Pie

– Ragazze, ho portato dei muffins da farvi assaggiare!

– Uh grazie, dai qua…
(addento il dolcetto)
– Ma… questo non è un muffin: è l’impasto di una torta, cotto in un pirottino da muffin!
Questo dialogo si è svolto tra me e una collega anni fa, prima ancora che aprissi il blog: aveva portato ad alcune di noi questi dolcetti per farceli assaggiare, e ricordo ancora la faccia che ha fatto quando le ho detto che non basta mettere un impasto dolce in un pirottino, per farne un muffin. Eppure dando uno sguardo alla rete in questi giorni, mi sono resa conto di quanto sia diffusa la confusione tra cupcakes e muffin, come testimonia anche la vignetta sopra.
Vediamo quindi di fare un po’ di chiarezza.
I cupcakes (letteralmente, torte in tazza), devono il loro nome al fatto che per farle ci vuole 1 tazza (cup) per ciascuno degli ingredienti principali: farina, uova, burro e zucchero. Inizialmente inoltre, pare che venissero cotti nelle tazze da tè. Quale che sia l’origine del nome (e sicuramente sono vere entrambe le cose), ecco quindi chiarita una prima, fondamentale differenza: i cupcakes sono delle mini torte, inizialmente delle 4/4, il cui procedimento prevede quindi una lavorazione analoga a quella delle loro sorelle maggiori: si montano con le fruste burro e zucchero, si aggiungono farina, uova, aromi e agente lievitante, si versa nei pirottini o in stampi monoporzione simili a tazze da tè, e si cuoce. La maggior parte dei cupcakes inoltre prevede un frosting, cioè una copertura, che può consistere in una glassa o in una crema.
I cupcakes sono esclusivamente dolci.

I cupcakes sono nati negli Stati Uniti (come suggerisce anche il nome dell’unità di misura) verso la fine del XVIII secolo. Il termine Cup Cake compare per la prima volta su carta stampata nel ricettario dell’eclettica Eliza Leslie, “Seventy-Five Receipts for Pastry, Cakes, and Sweetmeats“, pubblicato a Philadelphia nel 1828. Prima della pubblicazione del libro la Leslie aveva vissuto per 7 anni in Gran Bretagna dove probabilmente è venuta in contatto con i Fairy Cakes, “Torte delle Fate”, che assomigliano in tutto e per tutto ai cupcakes.

Image from here

I muffin invece, originari del Regno Unito, prevedevano inizialmente l’uso di lievito di birra e sono nati per riciclare gli avanzi di pane e biscotti; venivano impastati e fritti, e diventavano soffici e croccanti. In seguito si sono evoluti diventando dei quick breads, pani rapidi, che potevano essere dolci o salati.
Il nome, “moofin“, di origine incerta, compare per la prima volta su carta stampata nel 1703, in una lettera di Ralph Thoresby.
Una volta approdati Oltreoceano, a seguito della scoperta di agenti lievitanti più rapidi del tradizionale lievito di birra, cremor tartaro e bicarbonato di sodio, i muffin si sono ulteriormente trasformati diventando i dolcetti che tutti conosciamo. La loro caratteristica, come ben spiegato nel post di Francy, è quella di mischiare separatamente gli ingredienti secchi e quelli umidi, poi unirli, mescolarli pochissimo – l’impasto deve rimanere grumoso, è questo il segreto della loro particolare consistenza e sofficità – quindi versarlo nei pirottini e infornare.
I muffin possono essere sia dolci, sia salati.
La rapidità e la relativa facilità nel prepararli, unite alla loro indubbia bontà, hanno fatto sì che la loro popolarità si espandesse rapidamente in tutto il globo, fino ad approdare all’MTChallenge, dove sono diventati oggetto di questa nuova, appassionante sfida.

Tutti ai fornelli quindi, a sfornare muffin come se piovesse!

Bibliografia: 


Shelly Kaldunsky – Cupcakes – Williams-Sonoma
Eliza Leslie – Seventy-Five Receipts for Pastry, Cakes, and Sweetmeats
Food Timeline

Post Tags
Share Post
Written by

Sant'Aragostina

Latest comments
  • AvatarAvatar

    Una chicca di post che chiarisce definitivamente la differenza fra cupcakes e muffins, dissipa ogni dubbio e ci regala pure informazioni storiche interessantissime! Grazie grazie e grazie grande Mapi!!!

    • AvatarAvatar

      Grazie! 🙂

  • AvatarAvatar

    E' vero c'è confusione tra i cup cakes ed i muffin quindi che ben venga questo chiarimento..parte storica interessante e vignetta simpaticissima…:-)

    • AvatarAvatar

      Grazie mille Deborah. 🙂

    • AvatarAvatar

      Ma grazie a te Mapi per avermi regalato la H 🙂
      ok dai scherzi a parte, grazie perché come dici giustamente tu non si finisce mai d'imparare ed il livello dei proff. dell'MTC è davvero alto!
      DeborA 😉

  • AvatarAvatar

    Ohhh, finalmente un po' di chiarezza, che pure io qualche dubbio ce l'avevo.. sapevo della differenza nel procedimento, ma non che i cupcakes fossero dei 4/4 (sarà che non ho mai fatto un cupcake, ecco perché)!
    Bravissima Mapi, luce in fondo al tunnel 🙂

    • AvatarAvatar

      Sai che ho imparato pure io, in occasione della stesura di questo articolo, che i cupcakes sono essenzialmente delle 4/4? MI ero sempre fermata al fatto che fossero cotti nelle tazze da tè. Come dire che non si finisce mai di imparare. 🙂
      Un abbraccio.

  • AvatarAvatar

    Grazie Mapi! Devo fare una serie di errata corrige su mio blog perché mi rendo conto solo ora di aver sempre e solo preparato cupcakes, con o senza frosting. Grazie davvero! Ero profondamente ignorante sul tema!

    • AvatarAvatar

      Guarda, devo fare qualche rettifica anch'io, mi sa… ma in questo momento non ne ho il tempo. 😉
      Un bacione.

  • AvatarAvatar

    Grazie, Mapi. Effettivamente mi chiedevo quale fosse la differenza tra capcakes e muffin dolci, e tu l'hai spiegata nel migliore dei modi.
    :*

    • AvatarAvatar

      Grazie a te! 🙂

  • AvatarAvatar

    Fantastica Mapi!
    Grazie, chiarimenti utilissimi.

    • AvatarAvatar

      Thanks, Vitto. 🙂

  • AvatarAvatar

    oh!! finalmente ho capito!! grazie!!

    • AvatarAvatar

      Prego! 🙂

  • AvatarAvatar

    Ora ho le idee più chiare! Pensare a quante volte li ho confusi…grazie Maria Pia!

  • AvatarAvatar

    abbiamo fatto luce, grazie Mapi

  • AvatarAvatar

    Era veramente un dubbio amletico che non sapevo risolvere se non con qualche piccolo personale intuito
    Grazie per la bella spiegazione ed ammetto che adesso che ho fatto i muffin, ho capito la differenza

    Grazie Mapi

  • AvatarAvatar

    Mapi, sempre la numero uno, ottimo post, con bibliografia di indubbio rispetto! e quella foto… bravissima!

  • AvatarAvatar

    Lo sapevo che questo post sarebbe serviti a tutti e soprattutto Che di enters un long- best – seller , grande Mapi

  • AvatarAvatar

    Bellissimo articolo Mapi!
    Non avevo la minima idea della differenza fra cupcake e muffin, invece a quanto pare sono proprio due mondi diversi!
    Fra i due però mi identifico perfettamente in un muffin 😀

  • AvatarAvatar

    Mapi ben fatto. Conoscevo la differenza e avrei voluto essere presente durante la tua esclamazione dopo l'assaggio del dolcetto della tua amica! Ti avrei baciata in fronte. Ora come ora qualsiasi cosa venga presentato dentro un pirottino viene spacciato come Muffin.
    Post da grande maestra come sei. Un bacione grande, Pat

    • AvatarAvatar

      Grazie Patty! Dovevi vedere la sua faccia: come se avesse ricevuto uno schiaffo. Eppure l'ho detto in tono gentile, dicendole che la sua torta di pere e zenzero era buona, ma era appunto una torta, non un muffin.
      Un abbraccio.

  • AvatarAvatar

    Che post intelligente! Un pochino me lo sono sempre chiesto anche io quale fosse la differenza. Ora mi fai venire il dubbio, ma io cosa ho pubblicato nel mio ultimo post?!?! Si dai, non ho dubbi ho pubblicato i muffins….rispecchia ciò che hai scritto, quindi non ho sbagliato. Però non sapevo che cupcake fossero praticamente dei 4/4. Quante cose si scoprono!

    • AvatarAvatar

      Grazie! Ti confesso che ho scoperto pure io la storia della 4/4… in occasione dell'approfondimento di questa sfida! 😉
      Un abbraccio.

  • AvatarAvatar

    Ecco…leggo e prendo appunti…presto dovrò avere una "nuova agendona in cucina"…grazie! Sto imparando un sacco di cose!!!

LEAVE A COMMENT