Home Cook My Books MOONCAKES AND MILK BREAD DI KRISTINA CHO

MOONCAKES AND MILK BREAD DI KRISTINA CHO

by Vittoria Traversa

Moon cakes and Milk Bread è il primo libro in lingua inglese interamente dedicato al baking cinese- vale a dire a tutti i prodotti da forno, dolci e salati che, contrariamente a quanto si crede, coprono una bella fetta della tradizione gastronomica di questo paese.

A raccontarcelo è Kristina Cho, famosa food blogger statunitense i cui nonni si trasferirono da Hong Kong in Ohio, negli anni ’60, trovando stabilità e benessere come ristoratori. Kristina è, naturalmente, la versione 2.0 della terza generazione e ha profuso tutto il sapere della sua famiglia nel suo blog, prima (eloquentemente chiamato Eat Cho Food) e in questo libro poi.

I riconoscimenti di pubblico e di critica non si sono fatti attendere, tanto che quest’anno si è aggiudicato due James Beard Award, come miglior libro di un autore emergente e miglior libro dell’intera categoria del Baking.

Giuro che l’ho comprato prima :), perché comunque questa è materia che conosco bene e a cui devo qualche cm in più del giro vita. “se mai mi venisse il mal d’Oriente, mi son detta, ho qui pronto un antidoto”, immaginandomi a sfornare moon cakes per la festa di mezza estate e pane al latte per la colazione.

E mentre io ero ancora lì alle prese con l’immaginazione, sono arrivate le signore di #cook_my_books per passare alla pratica, affascinate dalla bellezza di queste ricette, dall’armonia dei loro sapori e delle loro forme.

Questa settimana, dunque, ci aspetta un viaggio davvero estremo, in un mondo che ha ancora tanto da raccontarci, al di là del riso alla cantonese e del gelato fritto: lo faremo cercando di trasmettervi anche l’autenticità di questi piatti che vale davvero la pena di provare, quanto meno nelle nostre cucine.


XI’AN-STYLE BRAISED LAMB RO JIA MAO

di Vittoria Traversa

I Mo (o Mao) sono panini sfogliati tipici di Pechino e della Cina del Nord, noti amichevolmente con il nome di hamburger cinesi.

Nella forma sono simili agli English muffins (quelli delle Uova alla Benedict, per intenderci), ma nella consistenza sono molto più porosi: non a caso, si mangiano ripieni di carni sugose, quasi sfatte dalle lunghe cotture, come la pancia di maiale, a Pechino, o l’agnello a Xi’an.

Quest’ultima è la ricetta che abbiamo scelto per introdurvi alle meraviglie del libro della settimana, con una avvertenza: fatene tanti, perché diventerete dipendenti 🙂

📚 XI’AN-STYLE BRAISED LAMB RO JIA MAO, da Moon Cakes and Milk Bread di Kristina Cho dagli scaffali di Cook My Books alla tavola di @vittoriatraversa

RICETTA QUI


PANE AL LATTE CINESE

di Elena Arrigoni

Kristina Cho lo definisce la Regina di tutti i pani, superiore addirittura alle più raffinate brioche, in riferimento sia alla ricchezza dell’impasto (con burro, latte e uova) sia al metodo di lavorazione che gli conferisce una consistenza simile al cotone.

Inevitabile il riferimento al cugino giapponese, l’Hokkaido, a cui lo accomuna il metodo del tangzhong, dal nome della base del procedimento, il roux, responsabile della sofficità e della morbidezza che sono le peculiarità di questo pane e lo rendono irresistibile.

📚 MILK BREAD, da Moon Cakes and Milk Bread di Kristina Cho dagli scaffali di Cook My Books alla tavola di @cominciamodaqua

RICETTA QUI


FLOWER BUNS ALL’AGLIO ED ERBA CIPOLLINA

di Manuela Valentini

Quanti ne ho mangiati, di questi panini, ancora caldi di vapore, nascosti dentro giganteschi cesti di bambù e venduti ad ogni angolo delle strade, delicati come fiori, ma dal sapore deciso e pungente.

Il loro nome originale è huā juǎn e l’esperienza più bella è fermarsi a guardare i fornai che li preparano, con una agilità che tradisce saperi antichi e che crea tante piccole magie, disposte in file ordinate, perfette nella sfogliatura, identiche nella forma.

La buona notizia è che si possono anche fare a casa, seguendo la ricetta che vi proponiamo- e magari ripetendola, fino a trovare la disinvoltura necessaria per realizzarli come si deve.

E non preoccupatevi, dei tentativi andati a vuoto: gli huā juǎn sono talmente buoni che finiranno subito, comunque.

📚 GARLIC AND CHIVE WHOLE-WHEAT FLOWER BUNS, da Moon Cakes and Milk Bread di Kristina Cho dagli scaffali di Cook My Books alla tavola di @profumicolori

RICETTA QUI


MUSHROOM BUNS

di Valeria Caracciolo

L’aspetto più sorprendente della pasticceria cinese sono le decine di forme che vengono date alla stessa ricetta.

Quando abitavo a Singapore, era un continuo farsi tirare dagli occhi, più che da tutti gli altri sensi: ma tale era la bellezza di queste piccole delizie che anche sapere in partenza che intanto avrebbero avuto tutte lo stesso sapore, non serviva da antidoto agli acquisti.

Questi “funghetti”, però, fanno eccezione: perché sono davvero una sorpresa, forse l’azzardo più coraggioso di tutto il libro.

La particolarità è nella polvere di cacao e fungo che ne decora la superficie, fino a farli sembrare dei veri funghi shiitake: ma è il sapore a convincere, passata la prima sorpresa: quasi meglio del loro aspetto.

Quando si dice “effetto wow”, alla vista e al palato.

📚 MUSHROOM BUNS, da Moon Cakes and Milk Bread di Kristina Cho dagli scaffali di Cook My Books alla tavola di @murzillosaporito

RICETTA QUI


MOONCAKES

di Ilaria Talimani

E qui, parte la nostalgia.

Perché proprio in questi giorni, Singapore e tutti i Paesi con una forte presenza cinese- per tacer della Cina, ovviamente- si riempie di queste delizie: dalle vetrine delle pasticcerie ai banchi del supermercato, fino a veri e propri allestimenti nei basement dei Mall, sfilano sotto i vostri occhi centinaia, migliaia di mooncakes, dalle tradizionali a quelle contemporanee, dai colori e dai ripieni più disparati, comprese le concessioni alla pasticceria occidentale.

Siamo nel pieno della festa del Mid-Autumn, la festa delle lanterne, dello Yin e dello Yang, quella che, celebrando la fine del raccolto, innalzava lodi alla luna, rappresentata proprio da queste tortine.

Se volete prepararle a casa, dovete però procurarvi i tradizionali stampi di legno, ciascuno con impresso un simbolo differente, legato di solito alla fecondità o alla fortuna: cercateli nei quartieri cinesi delle vostre città, sono bellissimi anche da collezionare.

Ma se non li trovate, niente paura: potete lanciarvi in altre forme, come ci indica Kristina: restano ottime lo stesso!

📚 MOONCAKES, da Moon Cakes and Milk
Bread di Kristina Cho dagli scaffali di Cook My Books alla tavola di @sofficiblog

RICETTA QUI


Rose siu mai

di Katia Zanghì

La Cina mi ha sempre affascinato, anche se non ci sono mai stata. Ieri sera, un caro amico diceva di me che viaggio attraverso la mia cucina, ed è proprio così. Vorrei ancora una volta ringraziare Cook_my_books, grazie a cui ogni settimana scopriamo la cucina di un paese diverso, sognando di conseguenza…Stavolta tocca ad un libro di Kristina Cho,”Mooncakes and milk bread”, il primo libro in lingua inglese dedicato a tutti i prodotti da forno cinesi, e non solo… Fra le tantissime ricette, mi hanno colpito questi ravioli a forma di rosa, più facili a farsi di quanto possa apparire, e buonissimi. Se vi piacciono gli origami, come alla nostra autrice, lanciatevi nella loro preparazione!

RICETTA QUI


Pancakes cinesi croccanti alla salsiccia e coriandolo

di Giuliana Fabris

Il primo libro in lingua inglese tutto dedicato al baking cinese, prodotti da forno dolci e salati che sono una buona parte della tradizione gastronomica di questo paese.
L’autrice, foodblogger statunitense molto conosciuta, è la terza generazione di una famiglia che da Hong Kong si è trasferita negli USA,  precisamente in Ohio,  nel corso degli anni ’60 e che ha trovato il proprio benessere aprendo un ristorante. Naturalmente Kristina attinge a piene mani nella esperienza della sua famiglia e con questo libro ha avuro moltissimi riconoscimenti, di pubblico e di critica.
Confesso che ho avuto parecchie difficoltà nello scegliere le ricette, sono tutte bellissime e intriganti.  Intanto comincio con questi sorprendenti pancakes, che alla fine assomigliano più a delle frittelle ripiene che ai pancakes dolci  a cui siamo abituati, perdipiù questi sono una derivazione degli scallion pancakes,  ma è proprio questa la loro peculiarità.  Inutile dire che ci sono piaciuti molto.

RICETTA QUI


Fagottini di pere con glassa al Miso

di Giuliana Fabris

Questa è la mia seconda ricetta scelta dal libro di Kristina Cho di cui vi ho parlato QUI  nel post precedente.

Mi ha stuzzicato l’idea della glassa al Miso, e non ho messo tempo in mezzo tanto ero curiosa di provarla.

Il risultato è stato ottimo e lo condivido con piacere.

Una ricetta un po’ laboriosa per via della pasta sfoglia da preparare, ma ne vale assolutamente la pena.

RICETTA QUI


Leave a Comment

* Se usi questo form accetti che conserviamo i tuoi dati

Ti potrebbero piacere anche...