Avanti Mamme Imperfette di tutta Italia, è giunto il momento di ricominciare a respirare.
Dopo mesi di sciarpe legate strette a tappare la bocca dei nostri figli, sia mai che un subdolo soffio di aria fredda possa fregarci facendoli ammalare quando meno ce l’aspettiamo, dopo estenuanti prediche quotidiane, che quotidianamente hanno annoiato in primis noi proprio mentre eravamo impegnate a farle, sulla necessità di portare il cappello di lana ben calato sulle orecchie, dopo infiniti scontri con la prole sulla possibilità di uscire senza giacchetto, o “almeno con il giacchetto aperto mamma”, in pieno Dicembre, finalmente, con l’arrivo della Primavera possiamo iniziare a respirare di nuovo, a grandi boccate anche, perché l’aria, ormai carica di polline e scarica di gelo, inizia a non far più paura, anzi.

E’ stato un lungo inverno, fatto di kleenex semi consumati trovati abbandonati negli angoli più remoti di quella stessa casa che un tempo vi sembrava carina ed ordinata e adesso, vinta dalle brutte giornate e dal susseguirsi delle influenze, vi appare un campo di battaglia, provato quanto, se non più, di voi.
E’ stato un lungo inverno fatto di tosse, di otiti, di febbre, di ricadute; i nostri figli hanno riportato a casa dall’asilo e dalle scuole disegni, lavoretti, bei voti e brutti voti che ci hanno riempito il cuore e commosso, così come hanno riportato vagonate di virus stagionali, malattie virali, bacilli resistenti e, probabilmente, mutaformi.
Noi, dal canto nostro, abbiamo risposto con piglio, decisione e con quel pizzico di coraggio che non ci manca mai: abbiamo braccato, tediato, stalkerato frotte di pediatri a tutte le ore del giorno, anche perché , diciamocelo onestamente, trovarli in orari canonici è diventato più difficile che scovare nascondigli terroristici al centro del globo o rari diamanti rossi; ci siamo armate fino ai denti di medicine tradizionali, abbiamo abbracciato il mondo delle medicine alternative, abbiamo deciso di prendere per buoni tutti i rimedi delle nonne e delle vecchie zie, e , nel silenzio della nostra camera da letto, dopo aver messo a riposare tutti, figli, mariti, cani e gatti, tutti, ovviamente, contagiati dal virus del momento, ci siamo affidate alle preghiere, rivolgendole un po’ a tutte le possibili divinità, giusto per essere certe di essere ascoltate e per non far torti a nessuno. Abbiamo pregato affinché nella nostra dimora non ci fossero più virus, bacilli, mal di pancia, mal di gola, malattie esantematiche e qualsiasi altra forma che si possa passate da persona a persona, che possa contagiare fratelli, che possa trasformare in malati terminali padri sani e robusti, che possa far allontanare nonni e, per chi ce l’ha, babysitters o che possa indebolire noi, condannandoci all’ennesima clausura forzata e affollata.
Abbiamo pregato e siamo state ascoltate, è arrivata a salvarci, o almeno a darci la speranza di una nuova duratura salvezza, la Primavera; con i suoi colori , con il suo tepore, con il risveglio di una natura che rinasce e con tutti quei prodotti della terra che sono buoni e fanno un gran bene in primis proprio a quegli “untori” che sono i nostri amati figli.
Quello di oggi è un lunch box colorato, gustoso e carico di ingredienti che sono veri alleati per il benessere di piccini e grandi: buon lunch box e buona primavera a tutti!

Ricette liberamente tratte da Taste of home, Taste, Jamie Oliver recipes, Bbcgoodfood , Delicius.

Succo di kiwi, mela e menta
di Therese Caruana

Per una persona

4 kiwi
1 mela
Un rametto di menta fresca

Sbucciate i kiwi e tagliateli in piccoli pezzi. Sbucciate anche la mela e tagliate anche questa a pezzi. Lavate le foglioline di menta, quindi unite tutti gli ingredienti in un frullatore e frullate il tutto. Il vostro succo è pronto per essere bevuto.

 

Slaw con dressing al frutto della passione
di Sonia Conte

Per 2 porzioni
1 verza piccola
3 cimette di asparagi
3 cipolline
2 gambi di sedano
1 grande mela verde
1 carota
sale

Per il dressing
1 arancia
3 frutti della passione ben maturi e uno in più per servire
2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva spremuto a freddo
una manciata di semi di papavero

Grattugiate finemente una buccia d’arancia dentro una ciotola e versateci sopra tutto il succo. Dividete a metà il frutto della passione ( in alternativa un kiwi molto maturo), raccoglietene la polpa e aggiungetela nella ciotola, insieme all’olio, mescolando bene tutto il dressing.
Affettate la verza, togliendo le parti più dure. Rimuovete dagli asparagi le parti legnose, poi tagliuzzateli a striscioline, così le cipolline ed il sedano. Pulite e grattugiate grossolanamente la mela e la carota.
Mescolate frutta e ortaggi all’interno della stessa ciotola. Versateci sopra il dressing, mescolate e regolate di sale.
Gustatelo subito, oppure, meglio ancora riporlo in frigorifero per 1 o 2 giorni, per ammorbidire gli ortaggi e far sviluppare tutto il loro sapore.
Mescolate bene, cospargete con altra polpa di frutto della passione, guarnendo con cipolline e semini di papavero.

 

Insalata di tacchino in pane integrale
di Fabiola Palazzolo

Per una persona

2 foglie di lattuga romana tritate
120 di tacchino, grigliato, tritato finemente
2 strisce di pancetta abbrustolita e sbriciolata
1 cipolla tagliata a fette sottili
2 cucchiai di piselli, sbollentati
2 cucchiai di formaggio svizzero grattugiato
3 cucchiai di maionese
pepe
4 fette di pancarrè integrale

In una ciotola unite lattuga, tacchino, pancetta, cipolla, piselli e formaggio svizzero, mescolate aggiungete per finire maionese e pepe, mescolate per bene nuovamente, distribuite sulle fette di pancarrè, chiudete con le fette rimanenti e servite.

 

Polpette di riso integrale e salmone
di Manuela Valentini

Per 4 porzioni

90 g di riso integrale
3 cucchiai di olio d’oliva
3 cipollotti tritati finemente
2 spicchi d’aglio schiacciati
400 g di salmone fresco senza pelle e sfaldato a pezzetti
2 cucchiai di prezzemolo o coriandolo tritato
100 g di Cheddar grattugiato grossolanamente
125 g di fagiolini tagliati a fettine sottili
2 cucchiai di farina
1 uovo leggermente battuto
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
Sale e pepe
2 carote tagliate a bastoncini
2 gambi di sedano o finocchio tagliati a bastoncini
250 g di fagiolini o altra verdura come pomodorini

120 g di yogurt greco
1 cucchiaio di salsa di peperoncino dolce

In una grande pentola bollite il riso fino a cottura e poi scolatelo e trasferitelo in una ciotola resistente al calore. Se preferite il riso potete cuocerlo anche per assorbimento.
In una piccola padella antiaderente scaldate a fuoco medio 1 cucchiaio di olio, aggiungete i cipollotti e l’aglio. Cuocete, mescolando, per 2 minuti o finché non si saranno ammorbiditi. Trasferite i cipollotti nel riso e fate raffreddare completamente.
Aggiungete il salmone, il prezzemolo, il formaggio, i fagiolini, la farina, l’uovo e il concentrato, condite con sale e pepe. Mescolate bene per amalgamare, poi usando 2 cucchiai da tavola formate delle polpettine. Disponetele su una grande teglia o vassoio rivestita con carta da forno. Mettete in frigo per 30 minuti o fino a quando non si saranno rassodate.
Preparate la salsa mescolando in una piccola ciotola lo yogurt con la salsa al peperoncino, poi coprite e fate raffreddare.
In una grande padella antiaderente riscaldate a fuoco medio l’olio rimanente, poi cuocete un po’ alla volta le polpettine per 2 minuti per lato o fino a doratura. Servite le polpettine con le verdure e la salsa.

 

Calzoncini vegetariani
di Annarita Rossi

Per 4 porzioni

2 cucchiaini di lievito secco istantaneo
1 cucchiaino di zucchero semolato
60 g di farina semplice
400 g farina integrale
2 cucchiaini di olio d’oliva
1/2 peperoncino rosso tritato finemente
1/2 peperoncino verde tritato finemente
4 funghi champignon tagliati a fettine sottili
1/2 piccola cipolla rossa tritata finemente
125 g di mozzarella tagliata a dadini piccoli
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro a ridotto contenuto di sale

Unite il lievito, lo zucchero e un cucchiaio di farina in una ciotola. Mescolateli con 240 ml di acqua tiepida fino a quando il lievito non si sarà sciolto. Coprite e lasciatelo in un luogo caldo per 15 minuti o fino a quando la miscela inizi a schiumare.
Mettete la farina integrale e la farine bianca in un robot da cucina poi aggiungete la miscela di lievito e l’olio. Mescolate fino a quando si sarà formata una palla. Disponete su una superficie leggermente infarinata. Impastate fino a che l’impasto diventi liscio. Mettete la pasta in una grande ciotola, leggermente oliata. Coprite con una pellicola leggermente oliata. Mettete da parte, in un luogo caldo per 1 ora o fino al raddoppio.
Preriscaldate il forno a 200 °C/ 180 °C ventilato. Spolverate leggermente 2 grandi teglie con farina. Mescolate i peperoncini, i funghi, la cipolla, e il formaggio in una ciotola.
Rovesciate l’impasto. Disponetelo su una superficie leggermente infarinata. Dividetelo in 8 parti. Usando un mattarello leggermente spolverato di farina, stendete ciascuna porzione in un cerchio di 12 cm. Distribuite 1/2 cucchiaino di concentrato di pomodoro su ogni disco e un ottavo del mix di verdure. Piegate la pasta per racchiudere il ripieno. Pizzicate i bordi per sigillarli. Posizionate sulle teglie preparate.
Cuocete per 20 minuti o fino a quando sarà leggermente dorato. Raffreddate.

 

Biscotti croccanti al mango
di Mai Esteve

Per 14 biscotti grandi o 28 piccoli

140 g di burro, a temperatura ambiente
50 g di zucchero semolato dorato
1 tuorlo d’uovo
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 cucchiaio di sciroppo di acero
100 g di mango essiccato, tritato grossolanamente
175 g di farina integrale, più un extra per spolverare

per decorazione(facoltativa)
200 g di zucchero a velo setacciato
3 cucchiai di succo di mango

Mettete il burro e lo zucchero in un robot da cucina e lavorate fino a che si forma un impasto liscio e cremoso.
Aggiungete il tuorlo d’uovo, la vaniglia, lo sciroppo d’acero, il mango tritato finemente e mescolate per 1 minuto.
Aggiungete la farina gradualmente e mescolate fino quando tutto è amalgamato.
Trasferite su una superficie infarinata e formare una palla. Fate riposare per 20 minuti. Accendete il forno a 180°C o 160°C se ventilato.

Con un mattarello stendete l’impasto, su una superficie leggermente infarinata, per ottenere dei biscotti dello spessore di una moneta di 3mm circa, quindi con un coppapasta o con un taglia biscotti, ricavate dei biscotti del diametro di 10 cm se li preferite grandi o di 5 cm se li preferite più piccoli.

Trasferirli su una teglia rivestita con carta da forno e lasciateli cuocere per 12-15 minuti, o fino a che sono leggermente dorati.
Una volta cotti lasciate raffreddare su una gratella fino che induriscono.

Se volete decorarli, mescolare lo zucchero a velo con il succo di mango per fare una glassa liquida. Versa la glassa sui biscotti, quindi aggiungere i granelli e lasciar riposare.
Si conservano in una scatola di biscotti per un massimo di 1 settimana.

No comments

LEAVE A COMMENT