locandina festivaletteratura

Chi?… la Community

Dove? a Mantova, in Piazza Broletto

Quando? Sabato 10 settembre, alle 20

Cosa? Torte a Corte. Un viaggio nella storia dell’alimentazione fra curiosità e golosità

Quanto? 30 euro

Perché? perchè non era possibile dire di no.

Non a loro.

Fino a questa proposta- lo giuro- avevo detto solo dei gran no, a chiunque ci proponesse qualche collaborazione. Al tempo dela Torta a Tour avevamo gli inviati speciali nel pubblico 🙂 che poi si palesavano alla fine, chiedendo, oltre all’autografo sul libro, anche una firma su qualche contratto. Ma era un no, ovviamente, perché l’Emmetichallenge queste cose non le fa. E non perché siam nudi e puri, ma perché ci piacciono progetti sensati,in cui si possa anche dire la nostra. E qui, non ce n’erano. No ai Saloni, no alle aziende, no ai banner sul sito nuovo, no a questo e no a quello…. e poi, sul più bello, è arrivata questa proposta.

Che ha come contorno una di quelle meravigliose storie italiane capaci di farti riconciliare immediatamente con il nostro Paese, che va sotto il nome di Festivaletteratura di Mantova. Un Festival nato dal basso, da un gruppo di librai caparbiamente romantici, che sono riusciti a realizzare il sogno di una letteratura viva che non aspetta che siano i lettori a cercarla, ma va loro direttamente incontro,nelle strade, nelle piazze, nei caffé della città. Sembrava impossibile che autori di fama mondiale rispondessero ad un invito così anomalo, così lontano dai lustrini e le paillettes dello show-biz e invece il miracolo è avvenuto e oggi il Festivaletteratura di Mantova è il momento più atteso da tutti i lettori d’Europa che hanno finalmente l’occasione di conoscere i loro beniamini, ascoltarli mentre parlano di libri (non necessariamente del loro- ve l’ho detto, no?, che è un miracolo?),far loro domande e magari condividere pure la stessa fetta di sbrisolona, davanti a un caffé.

Da quest’anno, nell’ambito delle manifestazioni di contorno al Festival,Mantova ospita anche il Mantova Home Restaurant:  case, terrazze,giardini, ville,edifici storici della città verranno aperti per ospitare eventi a cavallo fra la gastronomia e la letteratura, in cui si mangerà e si parlerà di cibo, visto che la letteratura sarà anche cibo per la mente, ma non è che lo stomaco sempre gradisca 🙂

Ad invitarci è stata Elisabetta Arcari, la responsabile di Peccati di Gola, una delle scuole di cucina storiche della nostra penisola, donna vulcanica, concreta e simpatica- e il resto è venuto praticamente da sé: un banchetto in stile rinascimentale, con quattro servizi alla francese, in cui degusterete paté, timballi, insalate, torte salate e trionfali babà, intervallati da brevi incursioni nella storia della gastronomia,ad opera di Giulia Robert, Juri Badalini, Annalena De Bortoli e Cinzia Martellini Cortella. Oltre a loro, nelle cucine avremo anche Maria Pia Bruscia, Elisa Dondi, Sabrina Gasparri e chi della Community riuscirà a raggiungerci. Ci sarò anche io, proprio agli sgoccioli di questa vacanza italiana, prolungata anche per questo: perché il “non esserci” a volte ha un peso troppo difficile da sopportare.

Che altro dire, se non che vi aspettiamo?

Il programma del sabato, al Festival, è di quelli da “vengo anch’io!”- e ora che sapete che alla sera ci siamo anche noi, non c’è “no-tu-no” che tenga!

Le prenotazioni si effettuano qui e i posti sono solo 50.

A buon intenditor… dito veloce!

Post Tags
Share Post
Written by

La signora dei pipponi.

Latest comment
  • Mapi

    Un evento meraviglioso a cui non posso mancare.
    E vorrei poter vivere tutto il festival, non solo un giorno…

LEAVE A COMMENT