MTC N. 57 – TEMA DEL MESE: LA CASSATA SICILIANA AL FORNO

di Fabiola Palazzolo – Olio e Aceto

La cassata al forno è uno dei dolci tipici della pasticceria
Siciliana, nata ancor prima della famosa Cassata Siciliana, infatti, proprio
quest’ultima, è l’evoluzione della versione al forno. 
La sua nascita può essere collocata tra il IX e XI secolo
durante la dominazione araba, che ha influenzato e caratterizzato, oltre
all’arte, la cultura e la storia, anche la nostra cucina. 
Gli Arabi importarono diversi prodotti nella nostra cucina tra cui il pistacchio, il limone, la
mandorla e la canna di zucchero. 

La leggenda narra che un pastore arabo decise
di mescolare la ricotta di pecora, che veniva già prodotta nella preistoria,
con la canna da zucchero e di chiamare questo dolce “Quas’’at”, come la ciotola
in cui veniva impastato. Successivamente, ricotta e zucchero vennero avvolti in
una sfoglia di pasta frolla cotta al forno. Successivamente durante la
denominazione normanna, nel convento della Martorana le suore inventarono la
pasta reale a base di farina di mandorle, e con la denominazione spagnola
arrivarono in Sicilia. cioccolato e pan di spagna, e la cassata subì delle
trasformazioni;  la pasta frolla venne
sostituita dal pan di spagna e alla ricotta furono aggiunte le scaglie di
cioccolato, con la pasta reale vennero create le decorazione alle quali si
aggiunse la frutta candita, fino ad arrivare alla versione di oggi della
Cassata Siciliana.
NdR
Anticamente la frolla per tradizione veniva prodotta unicamente con lo strutto poiché era  facilmente reperibile e si conservava meglio rispetto al burro. Inoltre la frolla allo strutto era preferibile in quanto permetteva al gusto del ripieno di prevalere.
Nel guscio di frolla, alla base, si metteva (e ancora si mette) uno strato di Pan di Spagna o di savoiardi, per assorbire il liquido della crema e ottenere così una Cassata al forno “perfetta”.
In alcune varianti, c’è chi arricchisce il ripieno con qualche pezzetto di arancia candita. Così come aromatizza la frolla con scorzette grattugiate di limone o arancia.  
La ricetta di Fabiola
 
Ingredienti per uno stampo da 26 cm:

per la frolla:

500 g di farina 00

200 g di burro200 g di zucchero1 cucchiaio di lievito per dolci (facoltativo, aggiunto per
rendere la frolla più morbida)1 uovo1 tazzina da caffè di latte

Per il ripieno:

600 g di ricotta di pecora

300 g di zucchero

150 di gocce di cioccolato
Per decorare:

zucchero a velo

Procedimento:

per la frolla: in una terrina unite farina e zucchero,
formate una fontana al centro mettete l’uovo, con la punta delle dita lavorate
e fate amalgamare, unite il burro sciolto, ma non caldo, il lievito e
continuate a lavorare, versate il latte a filo, lavorate finché l’impasto non è
omogeneo e compatto, avvolgete nella pellicola e fate riposare per 1 ora nel
frigo.

Nel frattempo preparate il ripieno, in una terrina unite la
ricotta e lo zucchero, lavorate con le fruste elettriche, appena si è formata
una crema liscia unite le gocce di cioccolato, mescolate, lentamente con la
spatola e fate riposare, sempre in frigo.

Riprendete l’impasto, dividetelo in due parti, stendetelo su
una spianatoia e rivestite lo stampo, va bene quello per le crostate, lasciando
i bordi alti, versate il ripieno, livellate per bene. Stendete la restante
frolla per lo strato superiore a chiudere la cassata, sigillate per bene i
bordi e per finire decorate con un taglia pasta. Infornate a 180° C, il forno
deve essere già caldo, per 40 minuti.  Sfornate
fate raffreddare per bene, decorate con lo zucchero a velo e servite.

 
Fonti


Written by
Latest comments
  • AvatarAvatar

    grazie!

  • AvatarAvatar

    grazie!

  • AvatarAvatar

    J'adore!!!!!! Che buona la cassata… Ricotta e cioccolato hanno per me un fascino ineguagliabile! ^_^

LEAVE A COMMENT