MTC N. 51 – IL TEMA DEL MESE: IL ROTOLO DI PATATE

di Susanna Canetti – Afrodita’s Kitchen

Quando penso al
rotolo di patate ripieno, non posso fare a meno di collegarlo ai pranzi della
domenica, con tutta la famiglia riunita a casa della nonna. Comfort food per
eccellenza, è un piatto rustico e genuino, del quale ogni famiglia possiede la
propria ricetta, che può variare in base alla stagionalità, alla regione, e
soprattutto a quel che è avanzato in cucina. Un piatto quindi che nasce nelle
cucine più umili, nelle quali si cerca di utilizzare ingredienti
“poveri” come le patate, e di valorizzarli con l’arte del riciclo,
con ripieni saporiti di ogni tipo, partendo dalla ricotta con gli spinaci,
passando per il prosciutto con la mozzarella, fino ad arrivare a funghi e
salsiccia. La pasta del rotolo viene realizzata seguendo la medesima ricetta
degli gnocchi, e come questi ultimi, è una preparazione all’apparenza semplice,
ma che può nascondere diverse insidie. Diventa quindi fondamentale seguire
alcune regole, in primis la scelta delle patate. Proprio come per gli gnocchi,
è importante scegliere delle patate vecchie che, contenendo poca acqua, non
rendano appiccicoso l’impasto, e non richiedano dosi eccessive di farina. Sono
da preferire le patate a pasta bianca, poiché più farinose, o al massimo le
patate a buccia rossa, evitando quelle a pasta gialla. Altra regola importante
è la lavorazione delle patate, che deve avvenire quando sono ancora calde, e
questo vale sia per il passaggio nello schiacciapatate, che per la
realizzazione dell’impasto. Infine, sempre per mantenere ben asciutte le
patate, bisogna lessarle in acqua in leggera ebollizione, perché una bollitura
troppo forte rischierebbe di far crepare la buccia, e di conseguenza di far
penetrare acqua nel tubero. Se farete attenzione a questi piccoli dettagli, che
probabilmente molti di voi già conoscono, da qui in poi la strada sarà tutta in
discesa, la vostra pasta di patate si stenderà senza problemi, e potrete
farcirla con ciò che più vi piace, arrotolarla e passare alla cottura, che può
consistere in una semplice bollitura o,  come nel mio caso, anche in una
successiva gratinatura in forno, per rendere il rotolo croccante, e a mio
parere ancora più gustoso.

Ingredienti (dosi
per 4/6 persone)

Per la pasta di
patate:

  • 1 kg di patate
    vecchie a pasta bianca
  • 300 g di farina di
    grano tenero tipo 0
  • 2 uova
    possibilmente da allevamento all’aperto
  • sale

Per il ripieno:

  • 1 zucca verde di
    circa 1 Kg
  • 300 g di salsiccia
  • 3 cipollotti
    freschi
  • olio extra vergine
    di oliva
  • sale
  • pepe
  • noce moscata


Per condire:

  • 50 g di burro
  • qualche foglia di
    salvia fresca
  • parmigiano reggiano
    grattugiato
Procedimento:
Pelate la zucca,
eliminate i semi ed i filamenti interni, tagliatela a pezzetti e fatela
ammorbidire in padella con un filo di olio extra vergine di oliva, coprendo con
un coperchio e aggiungendo se necessario un goccio d’acqua per non farla
bruciare. A metà cottura regolate di sale, aggiungete una grattata di noce
moscata, e proseguite la cottura senza coperchio fino a quando la zucca sarà
completamente morbida ed asciutta, spegnete il fuoco e schiacciatela con cura
con una forchetta. Fate raffreddare e tenete da parte.
In una padella
antiaderente stufate i cipollotti tagliati fini con una generosa dose di olio
extra vergine di oliva, fino a quando si saranno completamente ammorbiditi.
Aggiungete la salsiccia privata del suo budello e sgranata con una forchetta,
cuocete a fiamma vivace fino a quando sarà ben cotta, spolverizzando alla fine
con un po’ di pepe nero macinato al momento. Lasciate raffreddare e tenete da
parte.
Lessate le patate
con la buccia mettendole in una pentola totalmente immerse in abbondante acqua
fredda, portate ad ebollizione e proseguite la cottura per circa 30 minuti,
facendo bollire piano (il tempo può variare in base alle dimensioni delle
patate, quindi verificate sempre la cottura forandole con i rebbi di una
forchetta, che non dovranno trovare resistenza fino al centro del tubero)
Scolate le patate,
pelatele e schiacciatele in uno schiacciapatate quando sono ancora tiepide,
facendole cadere direttamente su un piano di lavoro leggermente infarinato.
Formate una fontana
e al centro aggiungete le uova, due prese di sale e 2/3 della farina, quindi
impastate il tutto, aggiungendo il resto della farina solo se necessario (ciò
dipende dal grado di umidità delle patate) per ottenere una pasta compatta e
non appiccicosa, evitando di lavorare troppo a lungo l’impasto. Se l’impasto,
anche dopo aver utilizzato tutta la farina, risultasse ancora appiccicoso e
umido, non aggiungete altra farina, ma un po’ di fecola di patate.
Fate riposare la
pasta di patate per una ventina di minuti, quindi stendetela con il mattarello
direttamente su un telo di cotone bianco leggermente infarinato, ad uno
spessore di circa 1 cm, dandogli la forma di un rettangolo (il telo non deve
essere stato lavato con dei detersivi, ma solamente sterilizzato in acqua in
ebollizione).
Distribuite sul
rettangolo di pasta la crema di zucca in modo uniforme utilizzando una spatola,
lasciando liberi un paio di centimetri dal bordo, e poi aggiungete anche la
salsiccia.
Aiutandovi con il
telo arrotolate il rettangolo di pasta sollevando il lato più lungo, cercando
di tenere i giri ben stretti, poi sigillate le estremità pizzicandole con le
dita. Stringete il rotolo all’interno del telo formando una caramella e chiudetela
ai due lati con dello spago da cucina.
Cuocete il rotolo
immergendolo delicatamente in una casseruola ovale con acqua salata in leggera
ebollizione per 20 minuti. A cottura ultimata scolate l’acqua e aspettate che
il rotolo si raffreddi prima di toglierlo dal telo.
Tagliate il rotolo
di patate a fette spesse con un coltello grande e affilato, bagnando spesso la
lama per farlo scorrere meglio, disponetele una leggermente sovrapposta
all’altra in una pirofila imburrata.
In un polsonetto
far soffriggere alcune foglie di salvia con il burro, poi distribuite sulle
fette all’interno della pirofila, e infine aggiungete abbondante parmigiano
reggiano grattugiato.
Gratinare in forno
preriscaldato a 190° per circa 15/20 minuti.
Servite!
Written by
Latest comments
  • AvatarAvatar

    Mi hai stregata! Questo lo provo!
    Brava!

    • AvatarAvatar

      Grazie Aurelia, devi provarlo perché è strabuono! E immagino già che meraviglia riuscirai a fare!

    • AvatarAvatar

      Se lo faccio come il tuo, sono strafelice! 😉

    • AvatarAvatar

      Ma va…farai sicuramente di meglio!

  • AvatarAvatar

    Che cosa libidinosa!
    Ma tu guarda se posso arrivare su questa pagina e trovarmi davanti questa bontà in primo piano… senza poterla nemmeno assaggiare!!!
    Bravissima, questa la faccio nel week end!

    • AvatarAvatar

      Patate, salsiccia e zucca sono veramente da libidine! Ma tu puoi farlo con ciò che preferisci!

  • AvatarAvatar

    che meraviglia!!! Io che amo le patate in tutte le salse non ho mai provato una bontà simile?? rimedierò quanto prima 🙂 Grazie mille della ricetta e dei consigli!

    • AvatarAvatar

      Se ami le patate, devi assolutamente rimediare! Mi fa piacere che la ricetta ti sia piaciuta, e spero che i consigli ti possano essere utili!

  • AvatarAvatar

    Un rotolo meraviglioso, molto gustoso, con una bella presentazione !

    • AvatarAvatar

      Ti ringrazio, sulla bontà non ci sono dubbi, sulla presentazione avrei voluto fare di meglio, ma ero come sempre di fretta, e poi si sa che le foto non sono il mio forte!

  • AvatarAvatar

    praticamente è un mega gnocco ma steso a mo' di sfoglia e poi farcito e arrotolato…forte!!! e super goloso!!

    • AvatarAvatar

      Esatto Cristina! Un gnocco gigante arrotolato e ripieno di ogni tipo di bontà 😉

    • AvatarAvatar

      Wow, così era un rotolo super burroso!!! Le nostre nonne non avevano certo paura ad usare il burro!!!!

  • AvatarAvatar

    Un rotolo perfetto, complimenti! Lo proverò presto, grazie!

    • AvatarAvatar

      Ma grazie Anna Lisa, e mi raccomando fammi sapere come ti è venuto!!!

LEAVE A COMMENT