MTC N. 35: SPEZZATINO DI MAIALE CON MELE E MELAGRANA

Ultima  partecipazione per gli anche no e ultima partecipazione per Cristina P. che fedele alla legge del non c’è due senza tre si congeda, per questo mese, dall’mtchallenge con uno spezzatino di maiale, mele e melograna che, sin dal titolo, preannuncia violazioni ai fioretti e ai precetti domenicali della continenza e della misura. 
Prima, però, vorrei approfittare dell’assist offertomi dall’incipit del suo post (stamattina, parlo fusion), per fare una precisazione importante, legata alle fotografie che accompagnano i vostri piatti: sia quelli che ci vengono inviati dagli “anche no”, sia quelli di chi partecipa alla gara attraverso il proprio blog. 
Come detto, ridetto e stradetto, l’mtc è una gara di RICETTE e non di fotografie. Le foto sono un completamento che richiediamo solo ed esclusivamente per mostare ai lettori l’effetto finale del piatto, ma non hanno nessuna rilevanza ai fini della selezione conclusiva, dove viene valutata unicamente la ricetta proposta. 
Poi, è chiaro che le belle foto emozionano: ed è altrettanto chiaro che se lo si desidera, si può migliorare: internet è uno scrigno di informazioni, di suggerimenti, di aiuti concreti (e comunque, sia detto fra parentesi, per l’utilizzo che se ne fa qui sopra, l’aspetto che più colpisce è il set: quando ho iniziato io, andava di moda il bianco-sala operatoria, poi è stata la volta del nero-funerale (deve essere andato storto qualcosa, sotto i ferri), poi siamo passati al disordine artistico, per cui tutti a sbavare su scenari che, in situazioni normali, ci avrebbero indotti a telefonare ai NAS, invece che correre come pazzi a comprare pure dei libri… insomma, come per tutte le mode, anche qui si è esposti ai cambiamenti: teneteli d’occhio e provate a copiare i set che più vi piacciono, se proprio i vostri scatti vi deprimono. Altrimenti, va bene così). 
Tutta ‘sta pappardella per dirvi che non dovete preoccuparvi affatto, se siete incapaci a fare una foto decente. Quella, in un modo o nell’altro, possiamo aggiustarla. L’importante è che siate capaci a cucinare: perchè le ricette strampalate, quelle, non si aggiustano, in nessun modo. Ma su questo, direi che non abbiamo dubbi…
SPEZZATINO DI MAIALE
con MELE e MELAGRANA
 
 Questa volta volevo proprio fare lo spezzatino di maiale con mele e melagrana!
Ed ho comprato tutti gli ingredienti corretti. Non erano difficili…..
Sarà
l’ultima mia proposta, questa, se farò altri spezzatini non subiranno
la sorte della foto in balcone nella speranza di un pochino
più di luce, d’altra parte, si sa, mica si può fare l’MTC solo a
luglio! E gennaio non è certo il mese migliore per le foto, senza
contare che le mie foto-food non sono tra le migliori di questo mondo…..
Questa ricetta è di sapore delicato con le mele che cuocendo rilasciano un po’ di sughetto e con la melagrana che rimane appena
scaldata, ma ancora croccante, quindi con una nota leggera di acidita che però emerge solo durante la masticazione.
Penso di aver sbagliato l’abbinamento con il pane, il gnocco fritto infatti è più adatto a preparazioni dal gusto sostenuto, ma
ve la mando lo stesso e la prossima volta abbinerò un pane più leggero, tipo un arabo o una pita.
Nella
ricetta ho usato solo mezza melagrana e ho utilizzato il resto per
preparare un’insalata non adatta al contorno caldo dello
spezzatino, ma servita prima come introduzione al piatto, quasi come
antipasto.
L’ho fatta con appunto la melagrana, mezza mela a pezzettini, un po’ di insalata iceberg e un po’ di insalata rossa.
Condita solo con olio e sale per non sovrastare l’equilibrio del piatto con l’aceto.
Quindi, tornando al nostro spezzatino, ecco la mia ricetta:
Spezzatino di maiale con mela e melagrana
600 gr di polpa di maiale
2 mele grosse mele verdi
½ melagrana
un paio di  bicchieri di vino bianco secco
1 cucchiaio di farina
Una cipolla piccola
2/3 spicchi di aglio
olio

Tagliare la polpa a pezzettini, cospargela con poca farina e metterla
nella pentola in cui si è fatta rosolare la cipolla a fettine, con
l’aglio e l’olio.
Sfumare con il vino bianco, coprire e lasciar cuocere per almeno un’ora.
A pochi minuti dalla fine aggiungere le mele, senza buccia, tagliate a pezzettini e mezza melagrana sgranata.
Servire subito, prima che la melagrana si “ammosci” perdendo il suo gusto.
Se si prepara lo spezzatino in anticipo, aggiungere la melagrana solo poco prima di servire.
Per lo gnocco fritto:
pasta per la pizza, stesa con il mattarello e fritta nell’olio, tagliata a piccoli pezzi, preferibilmente triangolari.
Per la pasta:
500 gr di farina 00
5 cucchiai di olio
10 gr di lievito di birra
1 pizzico di sale
Acqua qb
Mescolare la farina con il lievito, sciolto precedentemente in un po’ di acqua tiepida
Unire l’olio e il sale e aggiungere l’acqua fino ad ottenere un panetto morbido.
Lasciare
lievitare almeno un paio d’ore, fino a quando avrà raddippiato il suo
volume, quindi stendere sulla spianatoia e tagliare
nella forma desiderata
Friggere pochi pezzi per volta e servirli caldi.
Non saranno l’abbinamento adatto a questo spezzatino, ma vi garantisco che lo gnocco fritto ha sempre il suo perché!

Cristina P.

Post Tags
Share Post
Written by
Latest comments
    • AvatarAvatar

      grazie! a nome di tutti gli aspiranti fotografi…. 🙂

    • AvatarAvatar

      Davvero, grazie Ale, ma anche a te. A volte mi deprimo davvero vedendo certe foto. E' vero che quel che conta è la ricetta, ma non potendo invitare tutti ad assaggiarla, mi piacerebbe "rendere" un pochino meglio il risultato. Il maiale con le mele lo faccio spesso, con la melagrana ho provato ora per al prima volta, ma quell'asprino che si rileva in bocca mi è piaciuto!

  • AvatarAvatar

    Più che si ammoscia la melagrana in cottura si stinge proprio, ma tu le sai tutte e l'abbinamento è davvero centratissimo, forse avrei aggiunto anche qualche gheriglio, tu che dici?!!

    • AvatarAvatar

      Ecco, volevo finalmente iniziare la dieta del post-vacanze-di-Natale ma tu mi dai questi suggerimenti e io non so resistere e devo fare un altro spezzatino…. (a proposito, grazie della dritta….)

  • AvatarAvatar

    Che meraviglia!
    Io e la melagrana non andiamo d'accordo, o meglio, qui da me è un po difficile trovarla, e il fatto di doverla sgranare per poterla mangiare mi ha sempre innervosita, quindi non l'ho mai pensata in una ricetta.
    Complimenti, bellissima idea e abbinata invitante anche con le mele, per non parlare dello gnocco!

  • AvatarAvatar

    La ricetta è quello che conta, è vero che si mangia anche con gli occhi, ma se poi la ricetta è strampalata si ha solo una bella foto. Mi piace molto questo spezzatino, l'abbinamento mela-maiale mi piace molto, e la melagrana gli da quello sprint in più che gli serve per essere davvero equilibrato. Lo gnocco fritto fa dimenticare tutti i buoni propositi del "è lìora del rimettersi in riga". Brava
    Marta

LEAVE A COMMENT