MTChallenge Aprile 2012: i premiiii

Serena di Pici e Castagne: E’ tanto emozionata, all’idea della sua prima partecipazione all’MTChallenge che posta un giorno prima e finisce dritta fuori concorso. Motivo? Ha confuso i mesi del calendario. Come ciò sia potuto avvenire è cosa su cu ci siamo seriamente interrogate per un po’, almeno fino a quando non abbiamo scoperto in che modo contano i giorni, in quel di casa sua…

 

Eleonora: le sue proposte sono tutte all’insegna della primavera e profumano di papaveri, di gelsomini, di lavanda e di tutto quanto le offre quel giardino delle meraviglie nel quale ormai abita da un po’. Lei le interpreta con il suo solito tocco, che fonde il garbo con la genialità, la raffinatezza con un pizzico di trasgressione e la sorpresa che provoca è tale che ormai tutti fanno a gara per aggiudicarsela, ora come testimonial della nuova versione di una nota marca di deodorante- il “Conpulse”- ora come interprete principale della fiction “Grazie dei fior”, nella parte di Nilla Pizzi da giovane. Intanto, stanno arrivando già i pizzini dei primi ammiratori…

Flavia: ” ma noooo, non ci siamo, non ci siamo proprio… i contest sono come la moda, hanno delle regole che vanno seguite… se dico “frangipane”, dico “total frangipane”, capito?, non una torta rosa, rosa, poi, così demodé… e la  wedding, a tre piani??… non va, proprio non va…. e poi, scusa, ma l’hai vista? con quei falpalà così anni Settanta, quei fiorellini da asilo nido… tutto quel ton sur ton, che poi si sa che il bianco ingrassa… e l’insieme, poi, l’insieme….. sembra una wedding cake coi calzini, ah-ah-ah-ah… E qui, urge proprio il nostro intervento, vero Enzo? ….Enzo??? … dove stai andando?? …. come sarebbe, “ho trovato il mio partner ideale per la nuova serie di Wedding Planner???…Enzo!!! Enzo!!!! torna subito quiiii.. Enzooooooo…
Caris: un’onta. Lei che ha un passato a metà fra la Fracci e la Cuccarini, cresciuta a suon di Tuca Tuca e Ci-cale Ci-cale, si è lasciata sfuggire il ballo del momento, facendosi trovare impreparata nientemeno che sulle note di Ai se eu te pego. Vilipesa da schiere di bambini, derisa da genitori trendy che hanno assunto solo badanti portoghesi per non perdersi neppure una sfumatura di un testo così poetico, ha deciso di lavare col sangue questa umiliazione e di strabiliarli tutti, la prossima volta, con quella che si annuncia come la più memorabile delle performance, per la quale si sta già allenando da un po’…

Gloria:è inutile girarci intorno. Se sei una prof di matematica, prima o poi la tua natura esce fuori, anche quando cerchi di camuffarla sotto sei dicasi sei frangipane diverse. Basta distrarsi un attimo- ed ecco lì che prepotente il DNA si fa strada, discettando di calcoli ed equazioni e giungendo nientemeno a battezzare una delle torte con il nome di “teorema”. Ma a noi, che siamo vintage e che con i numeri non siam mai andati d’accordo, la parola evoca una cosa sola….

TEOREMA
(ferradini- raravis)
Dedicata a Gloria, a Fabiola, Flaminia, Mariella, Giulia C. e tutte le altre Frangi-maniacs di questa indimenticabile tornata
Prendi una donna/una normale
Metti che abbia un blog di cucina
Falla sfidare sulla frangipane
Nulla sarà più come prima
Prova a dirle che non è importante
Dosar bene aromi e creatività
Ti incenerirà in un istante
All’emmetichallenge, nessuna pietà
E sta sicuro che peggiorerà
Qui più si gioca e peggio sarà
E sta sicuro che peggiorerà
l’emmetichallenge è una droga, si sa….

Saparunda: Dopo lunghi tentennamenti, rompe gli indugi e si lancia nella sfida. Ma prima non le viene l’ispirazione, poi gliene venogno troppe, poi passa all’elenco di tutte le frangipane possibili, poi decide di preparare l’unica che nell’elenco non c’è, poi scopre di non aver gli ingredienti, poi va a fare la spesa ma torna senza aver comprato quelli fondamentali e in tutto ‘sto ambaradan, chi suona alla porta? Il rappresentante della Folletto. Da lì in poi, tutto si sistema, quasi per magia. L’ispirazione trova la giusta strada, gli ingredienti balzano fuori dagli scaffali della dispensa, le frangipane prendono una forma golosa ed invitante e pure la foto, la sua bestia nera, le riesce benissimo. Del rappresentante, nessuna traccia, anzi: lei sostiene che la razza si sia estinta e che le sia toccato solo l’ultimo esemplare….

Stefania Profumi e Sapori: I compilatori di dizionari medici sono avvisati: dopo il “ginocchio della lavandaia” e il “gomito del tennista” , è la volta di una nuova malattia rara: il “prurito da frangipane”, che, come apprendiamo direttamente dalle pagine di questa bella giovane palermitana, insorge prepotente durante la notte e si placa solo quando la quinta torta esce dal forno. Al momento, le cause sono ancora sconosciute, ma pare che l’insorgere dei  primi sintomi abbia coinciso con la mancata consegna del premio della volta scorsa, assoldato nelle campagne elettorali di questi giorni dal Partito du Pilu e per questo non più disponibile. Stavolta, quindi, siam volute andare sul sicuro, con un rimedio classico, dai risvolti omeopatici (crema contro crema), certi che, se non potrà curare la ferita, almeno la lenirà…

Patty e Gaia: la stessa ispirazione, in una torta che è un capolavoro di equilibri, di consistenze e di sapori. quando si dice, una vera poesia..

Ognuna da sola
 Sta lì a meditare, quand’ecco c’è il colpo di sole
Ed è subito pera
Nora: senti, Nora, noi siam corse cubito, in qel cavolo di Mulino, per cercarti questo mugnaio qui…

ma siamo arrivate in ritardo, e se l’erano già preso… l’unico che c’era era questo… va bene lo stesso?????



Roberta: sulla scia della meraviglia suscitata dalla coltre di rabarbaro intrecciato con cui ha ricoperto la sua frangipane, ha deciso di mettere la valigia sotto il letto e di assecondare la sua vera natura, aprendo un negozio di acconciature per signore. In attesa del rilascio della licenza, sta esercitandosi coi cani del circodario ed è pronta per presentare la nuova collezione, “quando i vicini fanno ooohhhh…”, di cui vi anticipiamo i primi modelli

Modello Laura Ingles, La Piccola casa nella prateria…
Modello Sandra Milo (disponibile anche in versione uomo, modello Ciro)

Modello Bo-Derek ( ribattezzato dai maligni Se- Derek, ma noi non diam peso a certe cattiverie…)

Modello “devo ancora impratichirmi col phon”

e infine, modello “Erba di casa mia”

Ne avrei ancora un po’, ma oggi devo stare in ufficio fino a tardi e non so se ce la faccio… in ogni caso, non dimenticate gli appuntamenti fissi, alle 17.00 con i Premi 30 mm di Giorgia e alle 21.00, con la proclamazione del vincitore, a blog unificati, da Ambra e da noi Buona giornata a tutti Ale

Share Post
Written by

La signora dei pipponi.

No comments

LEAVE A COMMENT