cucina monsu

Chi erano i Monsù? Secondo l’Enciclopedia Gastronomica Italiana:

«traduzione dialettale napoletana e siciliana della parola francese monsieur. Monzù ( in Campania) e Monsù in Sicilia, erano chiamati nei secoli XVIII e XIX i capocuochi delle case aristocratiche in Campania e in Sicilia perché, in epoca di influenza gastronomica francese, niente più di un titolo francesizzante pareva premiare l’eccellenza, anche se essi di solito francesi non erano.»

Sulla figura del Monsù vi chiedo di leggere questo esauriente articolo di Caris per MTC 52, che contiene anche una prestigiosa ricetta di un timballo di maccheroni.

Il 700 fu il secolo durante il quale la cucina napoletana di corte e delle famiglie aristocratiche compì un grande salto di qualità grazie soprattutto alle influenze d’oltralpe. Raffinati cuochi francesi giunsero a lavorare presso le famiglie nobili e seppero fondere mirabilmente le due cucine dando corso ad una delle più squisite, saporite e raffinate linee di gastronomia.

I cuochi napoletani, allevati sin dall’inizio alla scuola dei cuochi francesi, cominciarono così a generare una stirpe di cuochi straordinari, che per la loro celebrità ebbero a pieno titolo il diritto di chiamarsi Monsieur, da cui con storpiatura tutta napoletana i rinomati Monzù e siciliana Monsù.

I monsù rielaborarono con l’arte raffinata di chi sa bene utilizzare l’alchimia dei sapori e degli odori quanto era a loro disposizione. Si afferma così una cucina “alta” che non teneva solo conto del burro ma anche dell’olio; l’uso del pomodoro consentiva di poter servire insieme a salse raffinate come la beschamel anche sughi robusti che insaporivano le carni e i timballi di pasta; si affiancavano ai delicati consommé i saporosi brodi di pesce profumati d’aglio. Furono i monsù che realizzarono per i loro signori una serie di piatti che utilizzavano quanto la calda terra di Sicilia produceva e quello che la grande tradizione isolana greca, romana, araba, ebrea, normanna e spagnola aveva saputo conservare.

E così proviamo a calarci nell’atmosfera nobile e altolocata delle famiglie patrizie del ‘700 e realizziamo un tipico menù dei Monsù

  1. Schiuma di merluzzo – Antonella Eberlin (Cucino Io)
  2. Gatto di patate al formaggio – Antonella Marconi (Sapori in concerto)
  3. Caponata di Maria Carolina – Anna (Pasticciando insieme)
  4. Sarde a beccafico – Leila (anche no)
  5. Timballo di melanzane – Katia (Katia Zeta)
  6. Bomba gelato – Mile Z (Scelgo un libro per bambini)
  7. Gelatina al rum – Cinzia (Cindystar)
  8. Ponce – Susy May (Coscina di pollo)

I tempi di consegna:

  • Ricette 1-2-3 entro il 12/04
  • Ricette 4-5     entro il 18/04
  • Ricette 6-7-8 entro il 24/04

 

E per il nostro Club del 27 rispolveriamo, ma soprattutto riportiamo in auge il Tdm n. 41 “IL RISO”

17760126_10212136016263005_8674737856660963892_n

I nostri intrepidi partecipanti al Club del 27 (siamo a 89 e siccome dovevamo fermarci al 27, ci terrorizza l’idea di aprire la lista d’attesa e decidere chi sara’ il 90esimo…) potranno sbizzarrirsi con le ricette che la Community aveva sviluppato ai tempi della sfida sul riso, da cui abbiamo eliminato per ovvii motivi il Sartu’ di Mariella, sostituendolo con altre due ricette nuove. Ricordo anche da qui che le ricette dovranno seguire principalmente quelle del Tema del Mese, cosi come da dispense: le variazioni sono ammesse, ma non devono essere tali da stravolgere le versioni proposte qui. Lo diciamo perche’ all’origine di questo gruppo c’e’ la volonta’ di recuperare un materiale prezioso che, per la dura legge del web, dura il tempo della sua pubblicazione, con grande dispiacere di chi conosce perfettamente il valore di questi contributi, compresa anche la fatica che c’e’ dietro. Da qui, il Club del 27, condito con la piu’ sana e scanzonata voglia di tornare a cucinare su internet come si faceva agli inizi di questa avventura e come potete vedere qui, nella nostra pagina FB.

Ed ora, dichiariamo ufficialmente aperta l’asta 🙂 al Tema del Mese, a partire da subito!

E buon divertimento a tutti!

Post Tags
Share Post
Written by
Latest comments
  • Bomba gelato! Posso?.

    • Certio cara

  • Sarde a beccafico posso?

    • Certo tue

      • grazie!! ricetta propria o ricetta vostra? note storiche? scusa le domande ma non ho mai partecipato …

  • Caponata.. ^.^

    • Tua

  • Ciao io posso fare il PONCE?

    • Ma naturalmente

  • Timballo di melanzane?
    Ora devo us
    cire leggo dopo se posso farlo.

    • Va benissimo è tuo

  • gelatina al rum ancora libera?

    • Aspettava te 🙂

      • grazie :-*

  • mi spericolo, schiuma di merluzzo, libera?

  • Schiuma di merluzzo libera?

  • Ilaria la ricetta la cerchiamo noi o ce ne fornisci una tu
    ? solita introduzione storica? Grazie 🙂

  • Gatto di patate al formaggio….è libero?

  • Ilaria, anche per me sarebbe la prima volta. Mi daresti qualche altra delucidazione? Ricetta nostra? Ho capito bene? e poi? Introduzione obbligatoriamente storica o cosa?
    E dobbiamo spedirle o cos’altro? Scusami, ma non vorrei fare una delle mie solite gaffes.Grazie mille!

  • Alessandra

    vi forniamo tutto noi, questa volta.
    per le notizie storiche, ripubblichiamo a breve un articolo sulla cucina dei monsu, che potra’ servirvi come traccia per i vostri approfondimenti. E grazie a tutti!

  • buonasera. in attesa della ricetta volevo sapere questo: dato che sono anche no mando il tutto alla mail temadelmese? grazie

LEAVE A COMMENT