tri

di Susy May – Coscina di pollo

Ebbene si, anche i calciatori sanno cucinare. Forse ai più la cosa non è nota, ma lo chef stellato Gordon Ramsay, è stato un calciatore. Una carriera bruscamente interrotta da un incidente al ginocchio. Ma nonostante la vita ti ponga difronte a scelte difficili, non tutto il male viene per nuocere ed in questo caso, il palato di molte persone ringrazia quel ginocchio malandato, per averci dato, chef Gordon Ramsay.

Decisamente bello, con quell’aria da mascalzone, è uno dei miei chef preferiti, irascibile, creativo, imprevedibile, pioniere dei programmi tv sulla cucina, ha raggiunto una fama planetaria, sdoganando la figura dello chef come un’autentica super star. Tra tutti gli chef, Gordon è quello che più mi affascina, per certi versi, io sono un po’ come lui, diretta e trasgressiva, in cucina comando io e faccio una confusione che la metà basta, ma ogni tanto tiro fuori dei capolavori!. Ovviamente, il biondo “ragazzone” scozzese, ha delle mani d’oro, suoi infatti, sono alcuni dei piatti simbolo, dell’alta cucina.

Tanto per citarne alcuni, Il filetto alla Wellington, la Tarte Tatin di scalogni ed il Gordon’s Christmas Trifle, che porta appunto il suo nome. E proprio del Trifle parliamo, un dolce della tradizione inglese che nasce nel periodo vittoriano ed è un dolce, al cucchiaio, che ricorda per molti versi il tiramisù, il caro protagonista della sfida di questo mese.

E’ un dessert facilissimo da fare, anche perché la ricetta autentica voleva il Trifle servito al piatto, stratificando un ingrediente sopra l’altro, ma alla fine sembrava d’aver buttato tutto a caso in una ciotola e questo non è proprio degli Inglesi. Per rendere accattivante e sofisticato questo dessert, si è reso necessario servirlo in coppe individuali, magari in dei bicchieri importanti o nei moderni barattoli di vetro, il Trifle e la sua magia Inglese, vanno dunque incanalati in un bicchiere e gustati a piccole dosi. Naturalmente ci sono molte versioni, i Trifle con la frutta, quelli alcolici, con la marmellata e con la gelatina, ma tutte, comunque hanno una base di pan di spagna seguita dalla crema, per finire con la panna.

Gordon Ramsay, ha rivisto e proposto molte varianti di questo dolce della tradizione, ma una delle più golose e ricche è il GORDON’S CHRISTMAS TRIFLE. Scenografico e dal tema festaiolo, è stata la mia scelta per celebrare un grandissimo chef e darvi l’idea giusta per il vostro Natale. Uno scintillante bicchiere da Martini, una crema al mascarpone, cubetti di panettone, scaglie di cioccolato e tanto zucchero a velo, per dare quel tocco innevato, che fa tanto baita di montagna.                                                    

AVVISO IMPORTANTE: Questo dessert è LETTERALMENTE una BOMBA calorica, che forse, vi ucciderà quindi andateci piano, ma in tutta onestà, cari amici, potevamo aspettarci qualcosa di diverso dal DIAVOLO di Hell’s Kitchen?.

trifle

Gordon’s Christmas Trifle

INGREDIENTI X 4 BICCHIERI:

  • 250g Mascarpone
  • 6 cucchiai di zucchero a velo
  • mezzo bicchiere di liquore cremoso tipo Baileys
  • 2 cucchiaini di cannella
  • scorza d’arancia q.b.
  • 2 fette di panettone con i canditi
  • una spruzzata di Brandy
  • 100ml di panna liquida da montare
  • cioccolato fondente q.b
  • zucchero a velo per decorare

In una ciotola mettete il mascarpone, con lo zucchero a velo, il liquore cremoso tipo Baileys, la scorza d’arancia grattugiata e la cannella.
Amalgamate bene il tutto. Montate la panna ed unitela al mascarpone. Tagliate il panettone a cubetti, metteteli in una ciotola ed irrorateli con del Brandy, mescolate e passate alla composizione del bicchiere.
Mettete una porzione di crema sul fondo del bicchiere, aggiungete uno strato di panettone, ancora un altro strato di crema e poi ancora il panettone.
Con un cucchiaio immerso in una bacinella con acqua caldissima, fate delle quenelle di crema al mascarpone e mettetele sopra al panettone.
Grattate abbondante cioccolato fondente e spolverate con zucchero a velo.
Servite e godete.

Written by

La Community è formata da tutti i partecipanti alla sfida. Libri e coltelli fanno parte del loro bagaglio di base ed è per questo che ogni mese chi lo desidera può contribuire agli approfondimenti della sfida, condividendo con tutti il proprio sapere

Latest comments
  • Il brutto di questo trifle è che non c’è nessuna crema da cuocere e quindi si fa anche velocemente… 😀
    P.S. una ola per Ramsay scritto corretto.

  • :Concordo con Perladarsella. mASSIMO GODIMENTO CON SFORZO MINIMO. gRAZIE, sUSY.
    e gORDON…

    • cONCORDO CON pERLADARSELLA. mASSIMO GODIMENTO CON SFORZO MINIMO.
      gRAZIE, sUSY. e gORDON…

LEAVE A COMMENT