_mg_2953

di Annarita Rossi – Il bosco di alici

Dimenticatevi diete e conteggio delle calorie, sensi di colpa o qualsiasi altra cosa vi allontani dal piacere di questa meraviglia. Armatevi solo di desiderio e curiosità perché la signora Mary Berry ci ha regalato una goduria che si assapora boccone dopo boccone. Amo questa donna dall’aspetto di nonna British, con il suo fare calmo e l’aplomb tipico inglese. Dietro a questo suo sorriso dolce tuttavia, si nasconde una lady di ferro, provata dalla vita, ma che ha fatto della sua passione un lavoro, mantenendo il successo inalterato nel tempo. Vorrei prendere un tea con lei e farmi raccontare di lei e della sua attività ma, più di tutto, vorrei vederla cucinare per imparare dalle sue mani.

Il Tispy trifle ha varie consistenze e sorprese all’interno che non sono visibile dall’esterno. Le pere sciroppate e gli amaretti sono sapori che non ti aspetti ma che, con il resto degli ingredienti, si sposano molto bene. La realizzazione prevede diverse lavorazioni ma, nel complesso, non è complicata né lunga, basta fare attenzione ad alcuni passaggi chiave come arrotolare il swiss roll. Consiglio di farlo delicatamente ma con fermezza e prima di tagliarlo a fette lasciarlo un’oretta nel frigo. Se la quantità di sherry e succo di pera vi sembra eccessiva non è così, il swiss roll assorbirà tutto il liquido. È preferibile usare un ciotola di vetro abbastanza alta da contenere tutto, a me è avanzata un po’ di crema che ho riciclato subito ma, se avessi avuto una ciotola più alta, avrei potuto evitare di trasferirla da un’altra parte.

E’ il dolce perfetto da presentare a Natale o in occasioni speciali data la bellezza e la sontuosità dell’aspetto.

_mg_2958

Unico neo, le ciliegie fresche, quando non è possibile trovarle si possono sostituire con quelle sciroppate:

Mary Berry’s Tipsy Trifle

Per la Swiss roll     

  • 4 uova grandi
  • 100g di zucchero semolato, più extra per spolverare
  • 100g di farina auto lievitante
  • 175g di marmellata di fragole

Per il ripieno

  • 20 amaretti
  • 800g di pere sciroppate (2 lattine circa)
  • 250ml sherry secco

Per la crema pasticcera

  • 3 tuorli
  • 50g di zucchero semolato
  • 50g di amido di mais
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 600ml di latte intero
  • 300ml di panna

Per decorare

  • 250ml di panna
  • 25g di mandorle affettate
  • 10 ciliegie

Preriscaldare il forno a 220°C e foderare una teglia di 33x23cm  con carta da forno.

Per la Swiss roll, sbattere le uova e lo zucchero in una ciotola capiente fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Unire la farina setacciata. Versare il composto nello stampo e livellarlo sbattendo delicatamente la teglia.

Cuocere per 10-12 minuti, o fino a quando la torta presenta un colore marrone e comincia a restringersi dai bordi della teglia. Mentre la torta cuoce, ritagliare un pezzo di carta da forno un po’ più grande rispetto alle dimensioni della teglia e cospargerlo con lo zucchero semolato.

Girare la torta sulla carta da forno zuccherata e staccare la carta della base. Tagliare i bordi della torta con un coltello affilato. Fare una piccola incisione su uno dei lati lunghi a circa 2cm dal bordo, facendo attenzione a non tagliare troppo.

Lasciare raffreddare leggermente, poi distribuire la marmellata. Arrotolare la torta partendo dal lato appena inciso.

Tagliare il rotolo in 14 fette. Sistemare otto fette, a stretto contatto, intorno ai lati di una ciotola di vetro di 20 cm. Disporre le rimanenti sei fette alla base della ciotola. Sbriciolare i biscotti e disporli sopra la base.

Mescolare 150ml del succo di pera scolato dalla lattina con lo sherry e versare sulla torta. Livellare la superficie, premendo verso il basso con un cucchiaio e lasciare che il liquido venga assorbito, nel frattempo fare la crema pasticcera.

Per la crema pasticcera, mescolare i tuorli, lo zucchero semolato, l’amido di mais e l’estratto di vaniglia in una grande ciotola. Scaldare il latte e la panna insieme, senza arrivare a bollore. Unire il composto di latte e panna ai tuorli e farina.  Rimettere tutto sul fuoco e mescolare a fuoco vivace fino a quando il composto arriva appena a ebollizione e la crema si addensa. Togliere dal fuoco e coprire con della pellicola trasparente per prevenire la formazione della pelle sulla superficie della crema.

Scolare le pere e tagliare ogni metà in tre nel senso della lunghezza e disporre sopra la torta e i biscotti ormai intrisi di sherry e succo di pera. Versare sopra la crema, coprire e lasciare a temperatura ambiente fino a completo raffreddamento poi mettere in frigo.

Montare la panna lasciando una parte per la decorazione e distribuirla sulla superficie di crema pasticcera poi, distribuire le mandorle. Decorare con 10 sfere di panna e 10 ciliegie (fresche quando possibile).  Tenere in frigo fino al momento di servire.

Written by

La Community è formata da tutti i partecipanti alla sfida. Libri e coltelli fanno parte del loro bagaglio di base ed è per questo che ogni mese chi lo desidera può contribuire agli approfondimenti della sfida, condividendo con tutti il proprio sapere

Latest comments
  • Che goduria, mamma mia!!!!!
    Santi trifle che ci dolcificano la vita 😀
    anche a me piace tanto la Mary Berry, in Bake Off UK spesso se ne usciva con battute che mai mi sarei aspettata! È adorabile 🙂

  • DVvero sontuoso e regale, leinè la signora della cucina e davvero le sue ricette mi hanno sempre ColpitA.
    BRavissima AnnaRita Rossi esecuzione da 10 e lode!!!

  • Alice

    MA CHE MERAVIGLIAAAA!! BELLISSIMO DA VEDERE, FAREBBE UN FIGURONE SULLA tavola DELLE FESTE. CON I vostri TRIFLE NON C’è CHE L’imbarazzo DELLA SCELTA! BRAVISSIMA 🙂

  • sembra uscito da una favola, è davvero meraviglioso. Il ripieno: mai fatto con questi ingredienti e devo dire che non vedo l’ora di provarci. amaretti e pere sciroppate mi sembrano una felice accoppiata. grazie a tutte per questi capolavori. ho riscoperto il trifle e devo dire che lo amo alla follia in tutte le sue possibili varianti!

  • Questo È meraviglioso…elegante e festoso. La cosa che li unisce tutti È Questo aspetto leggermente vintage che È so english !! Ho deciso: mi trasferisco in inghilterra in un cottage…curo i fiori e invito LA community per il the, dolci sulle alzatiine compresi e poltrone Di vimini sOpra la scogliera…

  • Flavia

    Mi state mettendo in crisi con tutti questi Trifle…comincio a non sapere più quale scegliere, vorrei farli tutti tutti tutti….. ma diventerei monotematica e soprattutto…. le coppe..mannaggia a me che non ne ho così tante!!! Brava Annarita….la MAry è sempre una certezza

  • Ilaria

    Davvero uno più bello e godurioso dell’altro, questi trifle. Io Mary berry la amo e come mi piaceva in bake Off, sono infatti molto triste che la favola sia finita. Una donnina esile ma con l’argento vivo addosso. Grazie per aver ricreato questa ricetta.

  • Mary ha quel sorriso dolce ma fermo come solo una lady sa essere, ho diversi libri suoi e con le sue ricette non mi sono mai sbagliata. Una puntata di BakeOff Uk era proprio dedicata ai trifle. Ringrazio io e mezza Camaiore che si è scofanata il trifle.

  • secondo me c’è una mary in ognuna di noi. Questo trfle è una goduria che mi rigioco al 100%

  • anche questo trifle da rifare…

  • Con questi dolci bisogna dimenticarsi delle diete e della bilancia: troppo buoni e irresistibili!

LEAVE A COMMENT