giovedì 3 marzo 2016

MTC N. 54 - TEMA DEL MESE: CARROT CAKE


 
 
Introduzione storica a cura di Ilaria Talimani Soffici
 
La moderna Carrot Cake ha origine nel Medioevo ed era all’epoca già diffusa in tutta Europa. Poiché il termine cake è più recente, intorno al 1600-1700, si pensa che l’antenato della carrot cake fosse il carrot pudding.
Nel Medioevo infatti data la difficolta di reperire lo zucchero per preparazioni dolciarie, questo veniva sostituito da frutta e verdura. E spesso venivano preferite le carote dato il loro sapore dolce.
Il pudding di allora non era morbido come lo cuciniamo oggi, ma più denso quasi solido tanto che veniva cotto, in un piatto o in uno stampo, in forno o bollito. Nella preparazione si utilizzavano le carote, la frutta secca e come materia grassa il midollo. Assunse nel tempo svariate forme dall’essere cotto nel guscio di pasta al formato della pie servito con salse o ricoperto con della glassa.
 
La prima menzione di una Carrot Cake si ha, secondo quanto riportato in un libro di cucina New York Cookbook (Molly O’Neil, 1992), nel 1783 quando una carrot cake venne servita in accompagnamento al tè a niente po’ po’ di meno che George Washington durante l’evacuazione dell’armata britannica da New York City.
 
Gli americani, ma guarda un po’, si considerano gli inventori della carrot cake odierna. La ricetta datata circa agli inizi del XX secolo è il risultato di un insieme di ricette tramandate oralmente dagli immigrati provenienti dalla Germania, Russia, Polonia etc. e affermando con ciò che in Europa esistesse già.
In realtà secondo quanto afferma Gil Marks nel suo “Encyclopedia of Jewish Food” la prima apparizione del termine carrot cake fu nel 1912 in “the Neighborhood Cook Book” del Council of Jewish Women, pubblicato a Portland.
Anche la glassa al formaggio con cui viene servita e che fa la sua prima apparizione ufficiale negli USA negli anni ’60, deriva dalla cultura dell’Est Europa ovvero quella di utilizzare il formaggio negli impasti delle torte e nelle glasse che le accompagnano e decorano.

di Antonietta Golino La trappola golosa


Carrot cake con arancia e anacardi alla crema con sciroppo d’acero


  • 450 g di farina
  • ¼ di cucchiaino di zenzero, cannella, chiodi di garofano, noce moscata (tutti in polvere)
  • ¼ di cucchiaino di vaniglia
  • 2 cucchiaini di lievito
  • 2 cucchiaini di bicarbonato
  • 250 g di uova
  • 150 g di zucchero di canna
  • 150 g di zucchero semolato
  • 250 g di burro
  • 50 g di olio di semi
  • ¼ di cucchiaino di sale
  • 200 g di carote
  • 200  g di arancia
  • 100 g di anacardi tritati finemente
  • 150 g di anacardi tritati grossolanamente
Per la crema al formaggio
  • 650 g di formaggio cremoso
  • 240 g di burro
  • 150 g di zucchero a velo
  • 100 g di sciroppo d’acero




Tritare 100 g di anacardi con un cucchiaio di zucchero di canna e uno di farina, fino ad ottenere una consistenza fine.
In una ciotola setacciare la farina e aggiungere le spezie, la vaniglia, il sale il lievito e il bicarbonato.
Montare il burro e i due tipi di zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere le uova uno alla volta e l’olio a filo.
Frullare a intermittenza la polpa dell’arancia, fino ad ottenere una consistenza senza pezzi grossi ma non liquida.
Grattugiare le carote finemente.
Imburrare tre stampi da 20 cm di diametro, rivestire con carta da forno prima il fondo tagliando la carta seguendo la sagoma della base e il bordo con altra carta ottenendo delle strisce. Con le mani far aderire bene a tutto lo stampo e spennellare di burro fuso.
Unire a questo punto tutti gli ingredienti preparati precedentemente: prima le polveri, poi il composto di burro, le carote  e infine l’arancia. Amalgamare senza lavorare troppo l’impasto e suddividere nei tre stampi.
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti.
Una volta cotte, lasciare le forme negli stampi ancora 10 minuti, poi sformarle e lasciar raffreddare completamente su una gratella.
Nel frattempo preparare la crema. Lavorare con le fruste elettriche il burro, lasciato a temperatura ambiente almeno da 1 ora, con lo zucchero a velo e lo sciroppo d’acero. Incorporare la crema di formaggio e continuare a lavorare per almeno 5 minuti, fino ad ottenere una consistenza soffice e setosa. Lasciar raffreddare in frigo per 1 ora.
Con i due terzi della crema farcire i tre dischi della torta e i bordi, poi cospargere la superficie e i bordi con il resto degli anacardi tritati grossolanamente e infine con la restante crema fare dei ciuffi per decorare.
Conservarla in frigo e lasciarla a temperatura ambiente almeno un’ora prima del consumo.



3 commenti:

  1. Deve essere un tripudio di aromi e sapori questa torta di carote. Sono davvero tentata di riproporla, è così invitante. Come sempre molto bella la prefazione con notizie davvero interessanti.
    Grazie. Ciao

    Tra monti, mari e gravine

    RispondiElimina
  2. Accipicchia!! La carrot cake che faccio di solito non sembra nemmeno parente di questa meraviglia....mi sa che butto la ricetta e la sostituisco con questa. Interessantissime informazioni, grazie!

    RispondiElimina
  3. Deve essere buonissima, è un vero spettacolo. Complimenti!!

    RispondiElimina

Archivio blog