MTCn. 51: LA RICETTA DELLA SFIDA E’…

Il Pollo Ripieno di Patrizia Malomo di Andante con Gusto

atto I

“Maremma sfoglina, Ale, io ‘un posso vincere l’MTchallenge, sto mese…”

Sono le 3.01 del mattino e il cellulare che sbraita è quello segreto, di Singapore. Col numero dato solo alle amiche più care, rigorosamente per le emergenze.
In altri momenti, sarei in preda ad una crisi di ansia.
Stavolta, sogghigno.

“No, senti, ora tu va’ dalla Lou e le dici ‘he ‘un posso… c’ho da anda’ in ‘arfagnana, domattina… c’ho ‘na febbre ‘he son bombardata de pastihhe… e ‘on tutte ‘uelle meraviglie, proprio i miei ‘roissant doveva scegliere? …’ome sarebbe a di’, ‘se t’ostini a fa’ ‘ste robe?’..un’ideina da nulla, l’era… E Maremma al ciohholato al ciohholato, e ora ‘he faccio? oh, ma lo sarete tremende, lo sarete… e ho visto ìhe son tutti ‘ontenti, l’ho visto… ‘ontenti alla faccia mia, Maremma bonina… e gliela do’ io, la ‘ontentezza, guarda, gliela dò io… disossata, farcita e cucita, guarda…”

…la Tamara mi muore- penso. e taccio.

atto II

“Ale, senti, ‘ui son le sei del mattino, son ‘hiusa nel bagno per nun svegliare la mia ‘ompagna di stanza… me la filo un giorno prima, ho detto ad Antonio di ‘omprare il pollo e tutti gli ingredienti, maremma ‘ontadina… e m’han torhiato he neanhe dai tuoi amici di torhemada, qui, tutti a voler sapere la ricetta, ma io muta… bohha cucita ‘ome il ‘ulo della gallina…”

…la Tamara mi muore- penso. e taccio di nuovo

atto III

“Ale, senti, un so ‘ome, ma ce l’ho fatta. Ricetta, foto, tutorial, c’è tutto. E ai fini della sfida voglio pure le foto sul tavolo operatorio, ‘uella dello sterno, dello shortihamento, tutto ‘uanto, ‘apito? ‘he qui mi’ca si sta’ a pettinare le bambole, maremma bohholuta…

“Capito. il regolamento l’hai letto?”
“Sì”
“Le variazioni vanno bene?”
“Sì”
“I tipi di cottura li approvi?”
“Sì”
“Contorno, intingolo, farcia, tutto regolare?”
“Sì”
“Altro da aggiungere?”
“La Tamara mi more…”

-o-
Sulle note de “la Tamara mi more”, partiamo subito con la vera nota dolente della gara, che è quella di essere rigorosamente carnivora. Tamara, ma anche Helga e in genere i vegetariani convinti, quindi, possono non partecipare alla sfida senza tema di conteggi di assenze. Per loro, anzi, abbiamo riservato una parte del tema del mese, al quale potranno dare i vari contributi, senza dover per questo scalfire l’integrità delle proprie scelte.
Nello stesso tempo, non mi sono sentita di sconsigliare Patti dalla scelta di questo tema, per mille motivi: il primo è che un ossequio alla tradizione italiana, che deve gran parte della sua fama anche al filone delle carni ripiene, mutuate direttamente dalla opulenza dei banchetti imperiali dell’antica Roma; il secondo è il livello sempre crescente dell’abilità della community, che spesso è solo prigioniera delle proprie paure, che impediscono di vedere l’evidenza di una bravura ormai consolidata; il terzo è che una scuola di cucina deve coprire tutte le materie- e il disossamento sta alle tecniche di base come la tabellina del 7 ai rudimenti della matematica: è un po’ più difficile delle altre, ma se non la si impara, non si va avanti.
E noi dobbiamo e vogliamo andare avanti.
Per cui,bando alle ciance e partiamo con il
Regolamento
1. Si scrive “pollo”, si legge qualsiasi volatile, dell’aia e del cielo: vanno bene galline, tacchinelle, faraone, anitre, piccioni, fagiani, fagianelle e tutto quanto rientri in questa categoria, con la voce “commestibile”  e “disossabile” accanto.
Sono ammessi anche conigli e lepri.
2. si scrive “ripieno” e si legge “disossato- farcito- legato”: su questo saremo irremovibili, perchè la parte tecnica della sfida è questa. Patti ha fatto un tutorial fotografico accuratissimo, domani arriveremo con l’infografica e con altri consigli, per cui non disperatevi- quanto meno non troppo.
3. la farcitura è libera.
3 bis: una volta cucito e/o legato, è anche possibile avvolgere il pollo in lardo, pancetta o altro ingrediente a scelta
4. la cottura è libera:arrosto, lessato, in casseruola, come preferite. Escluso lo spiedo, perchè rovinerebbe tutto il lavoro di preparazione
5. elementi obbligatori sono l’intingolo (anche una salsa o un gravy o un fondo) e il contorno:in entrambi i casi, ingredienti e metodo di preparazione sono lasciati alla vostra fantasia e, prima ancora, al vostro buon gusto
6. FOTO OBBLIGATORIE:
– taglio lungo la colonna vertebrale
– separazione della cassa toracica dalla polpa
– sollevamento finale dello sterno

– pollo finito, dopo farcitura e cucitura7. Sono ammesse fino ad un massimo di due ricette

8. Trattandosi di una sfida sulla carne, per i vegetariani che non vorranno partecipare non verrà conteggiata alcuna “assenza”.

9. Ovviamente, non vi lasceremo soli: per cui aspettatevi una grandinata di Tips & Tricks, da domani al giorno di inizio della gara, pieni zeppi di suggermenti e di consigli per aiutarvi a superare tutte le difficoltà della sfida.

 

REGOLAMENTO GENERALE

Alle solite regole, ne aggiungiamo una.

Prima, le solite regole
1. valgono le ricette postate dal 10 al 25 ottobre: lasciate il link alla vostra pagina nello
spazio dei commenti, qui sotto. Gli “anche no” possono scrivere a
mtchallenge@gmail.com,  entro la mezzanotte del 25 settembre.

Per tutti i dubbi e le domande sulla sfida n. 51, è’ attivo il filo diretto,qui

Il banner è questo

e la novità è che da questa sfida chiediamo espressamente di citare il nome dell’autore della ricetta con il link alla pagina del suo blog e l’hashtag #mtchallenge ogni qualvolta pubblicherete sui social qualche ricetta tratta da qui.
Noi restiamo uno dei pochi baluardi della condivisione gratuita e generosa, in un mondo che si è inevitabilmente evoluto verso il professionismo- ma questo non implica il non  riconoscere il lavoro che viene svolto gratuitamente, a maggior ragione se è della qualità che  ha permesso all’MTC di conquistare nel tempo il forte potere mediatico che ha oggi. Sappiamo tutti benissimo che scrivere i post per la gara è impegnativo e che la distrazione fa decine di brutti scherzi: ma se ci mettiamo nell’ottica che una citazione è la sola ricompensa che viene chiesta, sono sicura che nessuno si dimenticherà di farla.
Le iscrizioni all’MTC sono chiuse fino a gennaio:  ciononostante,
abbiamo già una discreta  mostruosa lista d’attesa, per cui se desiderate
partecipare è meglio scriverci a mtchallenge@gmail.com, perchè se va
avanti così temiamo di dover limitare gli ingressi.
Quanti sono in attesa, possono comunque partecipare: non alla sfida, ma
al tema del mese: è un ottimo modo per iniziare a vivere la vita della
community e a respirare dall’interno un po’ di “aria dell’mtc”
GLI INDIZI
1. La Ragazza con l’Orecchino di Perla, capolavoro di jan Vermeer è custodita al Mauritshuis de L’Aja. Il pollo dove razzola? ecco spiegato il primo indizio
2. Guardando una mela cadere, Newton intuisce le leggi sulla caduta dei gravi.
Gravi => Gravy =>linciaggio della Van pelt

3. L’indizio è nel famoso autoritratto di Michelangelo, che si fa un selfie sulla pelle di san Barolomeo. Santo scuoiato e quindi patrono della sfida n.51.Chi si è avvicinata di più è Angela, col Tacchino ripieno- partendo però da una decifrazione sbagliata degli indizi: Olanda e Newton portavano in America e da qui mille elucubrazioni, comprese la cheese cake, la clam chowder e l’apple pie. In realtà, non ci scolliamo dal cortile di casa, a conferma di come spesso le soluzioni siano sotto i nostri occhi…

Buona sfida a tutti!!!

Written by

La signora dei pipponi.

Latest comments

LEAVE A COMMENT