MTC n. 41: IL FILO DIRETTO

Spazio dedicato alle vostre domande e alle vostre perplessità sulla sfida n. 41: lasciate tutto nei commenti, risponderemo il prima possibile!

 

Post Tags
Share Post
Written by
Latest comments
  • Ciao, mi sembra un po complicato ma…ci medito

  • Ho cercato di leggere il post della sfida e quello di Acquaviva dal cel. Se oltre a miope ora divento anche presbite la colpa è vostra, #sapevatelo!
    Allora, qualcosa in mente avrei ma aiutatemi a capire e chiaritemi le idee:
    1. Tutte le varietà di riso sono contemplate, no? Anche il rosso, il nero ed il selvatico?
    2. Se decidessi per uno di questi ultimi, la cottura sarà maggiore sia per quella ad assorbimento che per la pilav immagino.
    3. Mi sto complicando la vita, I know…
    4. Suppongo che una pre-bollitura non sia valida

  • Mi chiedevo se carne e/o pesce, ai fini della "sfida" sono indispensabili nella preparazione del piatto…..

    • Grazie! Mi hai appena reso felice 🙂

  • Per la cottura al latte si può usare anche quelli di origine vegetale?

  • Dopo aver cotto il riso con una delle tecniche previste è ammesso fare una seconda cottura, ad esempio in forno o in padella?

    • Ben trovati a tutti…
      mi accodo perché la mia domanda è simile…
      Una torta di riso quindi è esclusa?
      Grazie, Debora

    • Grazie mille Acquaviva, adesso è tutto più chiaro… spero, credo 🙂

  • Che bello il tema di questo mese! E quante info utili e interessantissime ho letto nel post di Acquaviva, grazie! Riguardo alla qualità di riso, credo che risi tipo venere oppure il riso rosso si possano usare, giusto? Ed invece il riso selvatico canadese "zizzania" ( wild rice) ? non essendo proprio la pianta del riso al 100% non so, ditemi voi. Grazie 🙂

    • grazie! Ho letto anche la risposta a Saparunda, scusa prima non avevo visto. Ho dato anche un'occhiata alle altre risposte e così mi hai già risolto un altro dubbio! Grazie mille,
      Buona serata
      AngelaS

  • Ciao, vorrei un chiarimento sulle quantità dei liquidi di cottura, nella cottura per assorbimento ad esempio, dici di prolungare la cottura per i risi integrali, ma vorrei sapere se devo anche aumentare di conseguenza la quantità di acqua iniziale perché dai 10 minuti necessari del riso "normale" a 25/30 c'è parecchia differenza, stessa cosa per le altre preparazioni, grazie mille!!!

    • grazie, immaginavo, risposta chiarissima, solo un'altra cosa, se durante la cottura mi accorgessi che il liquido non basta posso aggiungerne di caldo senza compromettere la ricetta vero, l'importante immagino sia calcolare quanta aggiungerne in base a quanto manca al termine della cottura un po' come per il risotto, grazie!!!

  • avevo in mente come prima ricetta un budino di riso toscano…ma temo che altre l'hanno già fatta…posso farla lo stesso??? non aspiro a vincere.ma a partecipare!!!

    • grazie mille!!!

  • ops l'abbiano….ho sbagliato pure il verbo…so troppo lessa…fra indicativo e congiuntivo…sob…che insegnante somara!!

  • Ciao Annalena, ho una domanda. Ho scoperto la cucina iraniana e ho una ricetta che mi balena nella mente utilizzando la tua tecnica della cottura per assorbimento in tutto il percorso da tre indicato tranne nella parte finale che è la durata della cottura, perché loro usano "creare" la crosta volontariamente. Prima fuoco vivo come nella tua ricetta, poi cottura a vapore non per i pochi minuti da te indicati, ma per quasi 40 minuti. Io vorrei ottenere la crosta per la mia ricetta…posso intervenire su queste tempistiche o vado fuori tema? Il principio di base è lo stesso. In ogni caso non ci sono problemi, cambio la ricetta se non è consentito. Scusami ed un abbraccio. Pat

    • Grazieeeeee….felice io! Vado avanti a tutta crosta!

  • Ciao, io sono quello che ha scherzato (ovviamente) sulle tue "preferenze" per le alghe e la cucina giapponese 🙂
    Ma io non temo nessuna nuova tecnica o ricetta, tanto e' vero che ho in mente un riso (innovativo?) sicuramente non all'occidentale. E' (sara') un riso molto semplice e secondo me elegante. Il mio problema e' che il risultato dipendera' moltissimo dall'equilibrio degli ingredienti che otterra' chi provera' a rifarlo.
    Ecco percio' la mia tendenziosa domanda: ma le preparazioni che i giudici proveranno a rifare saranno fatte seguendo la lettera della ricetta? Temo. Mal che vada basta che sia soddisfatto io, certo, pero'…..
    CIAO 🙂 🙂

  • Il problema, se vogliamo cosi' definirlo, sta proprio in quella che tu chiami imponderabilita' degli elementi, ossia per me nella qualita' degli ingredienti. Questi sono davvero pochi e, come in tutte le ricette con pochissimi ingredienti, il risultato puo' variare ogni volta che si cucina.
    Questo in via del tutto generale.
    PERO' il mio testo e la domanda finale, volutamente definita tendenziosa, voleva essere scherzosamente provocatorio: "come fanno i giudici a valutare una ricetta?".
    Facciamo una cosa: fai conto che non abbia scritto niente, non intendevo stuzzicare seriamente, solo scherzevolmente.
    Chiedo perdono 🙂

  • Annalena,
    che sia la volta buona che riesco a capire le differenze tra Arborio, Originario, Vialone, Carnaroli, Roma, fino, super fino,semifino e parboiled? Avete in programma un post di quelli da imparare a memoria?
    Comunque, a parte tutto, ho recuperato un ottimo Carnaroli. Ho letto che è un superfino. Per cui, pare che tra le 3 tecniche indicate per l'MTC vada bene per il pilav. Solo quello o posso usarlo anche nel latte?
    grazie prof!

    • I due post me li ero persi…
      grazie mille!
      e grazie anche del tempo che hai impiegato per rispondermi così a fondo.
      Mi piace un sacco lo spirito dell'MTC, spero solo di trovare il tempo di sperimentare come vorrei…!!

  • Ciao Annalena, spero tu ci sia perchè naturalemente a me le domende vengono in corso d'opera…la mia è sulla quantità d'acqua…ho letto che tu ti basi sul volume…io il mio basmati l'ho pesato sulla bilancia e lavato e messo a colare….ora che faccio? peso una volta e mezzo l'acqua? oppure passo il riso in una tazza e poi mi regolo??? aiutoooooo

    • ma come scrivo??

  • Cara Acquaviva ho appena letto il commento che mi hai lascito al mio post.
    Temo di aver fatto un (grave) errore nella trascrizione e nel ricordare la ricetta che avevo realizzato in quella cucina thai…
    Quel giorno ho fatto 7 piatti in contemporanea e temo di aver confuso qualche procedimento di cottura.
    Ora riguardavo con più calma (e non a memoria come ho fatto presa un po' dalla frenesia di questi giorni) i miei appunti e per il mio sticky rice avevo scritto così: "Put the rice in a sticky rice basket for cooking with boling water for 30 minutes) e non quindi "a vapore" sopra l'acqua…
    attendo una tua risposta… io dovrò correggere il post, comunque, ma prima attendo una tua risposta …. se potete rinserirmi in gara bene, ne sarei felice, altrimenti capisco benissimo … colpa mia … la fretta non è una buona consigliera… decisamente….

    • ok, tutto chiaro!!!!
      farò il possibile per replicare la ricetta, come in realtà era nelle mie intenzioni iniziali!
      grazie ancora per il tempo che mi hai dedicato!
      ciao

    • Cara Annalena… ho rifatto tutte e mi son pure divertita!!!
      pubblicato e già segnato il nuovo link!
      grazie!!

  • Ovvio che si. Magari prima Fotografalo…

LEAVE A COMMENT