E se al posto dei premi….

banner

vi facessi una sorpresa????
Dite che ci sarà qualcuno pronto a sollevare eccezioni, perchè le sorprese son quelle di Pasqua e a Natale non è stagione?
Facciamo così: io ve la faccio comunque.
E poi, vediamo cosa mi dite

Correva
il mese di ottobre, quando la chat di FB ha iniziato a lampeggiare sul
nome di una cara amica che non sentivo più, da un po’ di tempo. Da lì a
passare al telefono,il passo è stato breve, quasi quanto lo sgranare il
rosario dei convenevoli. Per dire, non erano ancora passate tre ore, che
a lei è venuto in mente il motivo per cui mi aveva chiamata.
E cioè, che le mancava l’emmetichallenge.
E
siccome sui dizionari medici ancora non ci siamo (e mi chiedo perchè:
cosa abbiamo di meno del ginocchio della lavandaia o del gomito del
tennista?) e a chiamare il dottore si correvano rischi maggiori, l’amica
in questione aveva ipotizzato una cura domestica.
“Già che non posso più partecipare, fammi fare almeno un regalo al vincitore”
“Che regalo?” ho chiesto, in modalità “Vigilanza notturna La Lince”
“Un abbonamento alla rivista che dirigo” – è stata la risposta.
copertina_A Tavola_dicembre 2013
Che vi rifersico solo per rendere omaggio al cuore grande così di Daniela Lucisano che oggi è al timone di ATavola ma che per noi resta sempre l’amica intelligente, ironica, entusiasta e curiosa di Penna e Forchetta.
Perchè, sia chiaro, io ho detto di no.
E ora, faccio partire il cronometro per il quarto d’ora di Ale Te Potessero.
15”00′
14”59′
14”58′
………
………
………
00 03′
00 02′
00 01′
00 00
Ok, finito, riprendiamo
“Salutami
per l’ultima volta, Daniela, perchè quando sapranno che ho detto di no,
mi leveranno dal mondo. Però, vedi, l’mtc è bello così: senza premi. Ha
la sua fisionomia, ha i suoi equilibri, ha le sue abitudini”, dicevo e
intanto spremevo il neurone a mille, perchè Daniela è davvero una
persona speciale e una soluzione bisognava trovarla.
E
così, si è accesa la lampadina: in diretta, sull’asse da stiro, col
telefono incastrato fra la spalla e la guancia e nuvole di vapore
tutt’attorno, in una commovente versione di Archimede in grembiule, a
gridare “celo!” invece che “eureka”
“Ma senti un po’…. e se fosse ATavola,
ad ospitare ogni mese la ricetta della sfida? il premio, sarebbe ancora
più prestigioso e, in più, sarebbe nell’ottica che piace a noi: quella
di uno stimolo a crescere e a migliorarsi, sempre. E l’approdo alla
carta stampata costituirebbe davvero la ricompensa più grande di tutte”
Faccio ripartire il cronomentro- o vado avanti?
Insomma,
per farvela breve: dal numero di gennaio, la ricetta della sfida sarà
pubblicata anche sulla rivista che Daniela dirige. Ovviamente, parliamo
della ricetta dei due mesi precedenti l’uscita in edicola, perchè la
stampa ha tempi più lunghi rispetto al web: per cui, sul numero di
gennaio troverete la ricetta della sfida di ottobre e su quello di
febbraio la sfida di novembre e non chiedetemi cosa ci sarà a marzo,
visto che a dicembre non si gioca, ma tranquilli che qualcosa Daniela si
inventerà, perchè è piena di risorse, di inventiva e di coraggio.
Esattamente come lo è quel che resta di questa community, considerato
che una bella percentuale sarà stramazzata al suolo, invocando anatemi
sulla testa della sottoscritta.
Ma il quarto d’ora, ormai, è finito…
Un
ringraziamento grosso come una casa a Daniela Luccisano e a tutta la
redazione di ATavola, per averci offerto questa straordinaria e
prestigiosa opportunità di crescita e per averlo fatto in questo modo,
così generoso e rispettoso della nostra filosofia dei piccoli passi: uno
alla volta, con calma, sempre ben piantato per terra e, ancor di più,
sempre tutti assieme.
Grazie, davvero
Ale
PS ci rivediamo qui, alle 17 per i 30mm e alle 21 per la proclamazione del vincitore della sfida di novembre!
Post Tags
Share Post
Written by
No comments

LEAVE A COMMENT